CHI SONO

NOTE CURRICOLARI di GIANLUCA BOCCHI

GIANLUCA BOCCHI è attualmente Professore Ordinario all’Università di Bergamo, Dipartimento di Scienze Umane e Sociali, dove insegna Filosofia della Scienza, Scienze della Globalizzazione e Lineamenti di Storia Globale.  Ha condotto studi di filosofia all’Università di Milano, dove si è laureato in filosofia della scienza con il Prof. Ludovico Geymonat: dopo la laurea, negli anni ottanta, ha svolto attività di ricerca e di insegnamento presso la Facoltà di Psicologia e di Scienza di Formazione dell’Università di Ginevra sotto la direzione del Prof. Alberto Munari.

Alle attività di ricerca e di insegnamento alterna le attività di pubblicista, di lecturer, di consulente, di formatore. In questa veste è stato ed è progettista e docente in molti progetti di formazione nelle maggiori aziende italiane (come Omnitel, ISVOR-FIAT, Telespazio, RAI, Unilever, ENEL, ENI, IBM, HP, Unicredit, Banca Intesa, Banca Mediolanum, Banca d’Italia) e di corsi per insegnanti, psicoterapeuti, gestori dei sistemi umani. Ha tenuto e tiene una serie di seminari in vari Master post-laurea, collaborando per molti anni con TSM-Trento School of Management al “progetto Berlino”, in cui ha guidato gruppi di studenti all’esplorazione della nuova capitale complessa quale teatro privilegiato del cambiamento, del conflitto di identità, della complessità sociale. Ha guidato altri “study tour”, in particolare negli USA, a Praga, a Stoccolma per pubblici di manager e di studenti.  Attualmente collabora a un  progetto con Formazione Lavoro, l’agenzia formativa della Provincia di Trento, imperniato su “study tour” a Berlino e a Istanbul sui temi dell’innovazione e dell’identità.

Presso l’Università di Bergamo, GIANLUCA BOCCHI è anche direttore del CERCO, il Centro di Ricerca sulla Complessità dedicato dall’Ateneo alle teorie, alle ricerche e alle pratiche sul tema della complessità nelle scienze umane, sociali e naturali.

A GIANLUCA BOCCHI si deve l’introduzione in Italia del filone di studi sulle scienze e la filosofia della complessità, grazie in particolare alla pubblicazione del volume La sfida della complessità (con Mauro Ceruti, Feltrinelli, Milano, 1985; 2° edizione con nuova introduzione Bruno Mondadori, Milano, 2007): un volume concernente le trasformazioni di paradigmi e di modi di pensare che caratterizzano le scienze dei nostri giorni e le stesse forme dell’abitazione del pianeta da parte della specie umana.

Insieme allo stesso Mauro Ceruti e a Edgar Morin GIANLUCA BOCCHI è autore di L’Europa nell’era planetaria  (Sperling & Kupfer, Milano, 1991), una riflessione sui problemi della convivenza fra i popoli e fra le nazioni nell’Europa degli anni novanta e sulle tendenze della storia planetaria alle soglie del nuovo millennio.

Nel 1993 ha pubblicato Origini di storie (con Mauro Ceruti, Feltrinelli), un’esplorazione sui complessi intrecci tra scienza, storia e mito e, più in particolare, sui mutamenti delle immagini dell’evoluzione biologica, della storia naturale e della storia della specie umana nelle scienze dei nostri giorni. Sempre insieme a Mauro Ceruti, nel 1994 ha pubblicato Solidarietà o barbarie. L’Europa delle diversità contro la pulizia etnica (Raffaello Cortina): una sorta di manuale per i cittadini della nuova Europa, come lo ha definito Edgar Morin nella Prefazione, che opera una rivisitazione della storia e delle radici prossime e remote della civiltà e delle nazioni europee alla luce degli eventi degli ultimi anni, così ambivalenti, così costruttivi e distruttivi in uno stesso tempo.

Nel 2001 (con Mauro Ceruti) ha curato il volume Le radici prime dell’Europa (Bruno Mondadori), una raccolta interdisciplinare degli approcci più importanti (in particolare di tipo genetico, linguistico e archeologico) che ci consentono di ricostruire la storia sui tempi lunghi del nostro continente, tratteggiandone le principali migrazioni (di popoli e di culture) che l’hanno interessato e interrogandosi sul problema della costruzione delle identità etniche tanto variegate che lo contraddistinguono, nel passato come nel presente.  Sempre inerente ai problemi dell’origine della civiltà occidentale e della storia planetaria sui tempi lunghi è il volume da lui curato, con Mauro Ceruti, nel 2002:  Origini della scrittura.  Genealogie di un’invenzione.

E’ del 2004 Educazione e globalizzazione (con Mauro Ceruti, Raffaello Cortina, 2004): un testo che discute i problemi che oggi incontrano gli educatori a differenti livelli – sia nell’ambito del sistema scolastico e universitario che in quello della formazione degli adulti – negli scenari globali tanto mutati dei nostri giorni, che significano: interculturalità, forte impatto delle tecnologie dell’informazione, evoluzione dei legami sociali, differenti opportunità ma anche differenti difficoltà per le giovani generazioni.

Nel 2009, è poi autore, sempre con Mauro Ceruti, di Una e Molteplice. Ripensare l’Europa (Tropea), una riflessione sul senso profondo della storia europea a vent’anni dalla fine dei blocchi e dalla nascita di un nuovo ordine internazionale.  La domanda di fondo è se l’attuale Unione Europea sia in grado di trarre dalle sue storie e dalle sue culture molteplici e plurali nuove ragioni per istituire una forma politico-istituzionale che coniughi insieme unità e diversità e che si adoperi per le crescenti necessità di governo dei processi globali

Attualmente, il centro dell’attività di ricerca scientifica di GIANLUCA BOCCHI, nell’ambito del suo settore accademico di filosofia della scienza, concerne i grandi nodi problematici della storia naturale e dell’evoluzionismo contemporanei.  La nostra è l’età in cui le scienze del vivente sono all’avanguardia sia dal punto di vista teorico sia dal punto di vista dei risultati della ricerca empirica e proprio per questo hanno bisogno di un nuovo sguardo epistemologico in grado di far emergere la loro rilevanza per i grandi interrogativi filosofici della nostra civiltà.

Nello stesso tempo, GIANLUCA BOCCHI si sta occupando dei nodi problematici connessi ai mutamenti dell’immaginario scientifico, all’interculturalità, alla costruzione delle identità etniche e nazionali, alla globalizzazione, alla possibile emergenza di una civiltà planetaria, alle grandi linee di sviluppo della storia umana, a un’epistemologia del cambiamento che integri le acquisizioni delle scienze naturali e delle scienze umane, nonché all’impatto delle nuove tecnologie sulle forme del conoscere e del comunicare.  Con l’Università di Bergamo partecipa al progetto europeo EUROBORDERSCAPES, che ha come tema interdisciplinare quello della storia, del presente e del futuro delle frontiere europee, intese come opportunità per la convivenza.

GIANLUCA BOCCHI ha partecipato attivamente all’organizzazione di numerosi convegni interdisciplinari internazionali, in qualità di coordinatore o di membro del comitato scientifico e ha tradotto e curato l’edizione italiana di vari testi di epistemologia e filosofia della scienza.