Per mare e per terra: le antiche migrazioni dei popoli agricoli

Il Madagascar è considerato una delle più grandi isole del mondo.  Ma dal punto di vista geologico è piuttosto un continente.  E’ uno dei grandi blocchi in cui si è frammentato l’antico megacontinente australe del Gondwana, che negli ultimi milioni di anni sono andati alla deriva per gli oceani meridionali di tutto il mondo.  Così sono sorte l’Australia, insieme alla Nuova Guinea; l’Antartide, che è rimasto isolato attorno al polo sud; l’America Meridionale, che dopo un lungo viaggio si è unita all’America Settentrionale con l’emergenza dell’istmo di Panama; l’Africa, che continua a premere contro l’Europa; l’India, che si è scontrata con l’Asia dando origine alle catene montuose più elevate del pianeta.  Se l’India è il settimo continente, il Madagascar l’ottavo.                                                                    Il Madagascar si è staccato prima dall’Africa, circa 120 milioni di anni fa, e poi anche dall’India, 90 milioni di anni fa.  Da allora ha iniziato una deriva solitaria nell’Oceano Indiano.  Il suo protratto isolamento lo ha dotato di una fauna assai particolare: la quasi totale assenza di predatori ha portato a una moltiplicazione delle specie dei lemuri fra i mammiferi, dei gechi e dei camaleonti fra i rettili.  Fino a tempi assai recenti qui viveva anche un gigantesco uccello non atto al volo: Aepyornis maximus, l’uccello elefante.                                                            Solo un braccio di mare separa il Madagascar dalle savane dell’Africa orientale, dove hanno avuto luogo i primi atti dell’evoluzione umana.  Eppure è stata una delle ultime terre emerse ad essere raggiunta dalla nostra specie, Homo sapiens, fra i 1500 e i 2000 anni fa.  E quelli che l’hanno popolato non venivano dall’Africa, ma dall’Asia, e da molto lontano: dall’Indonesia.  La lingua del Madagascar è una lingua austronesiana, come sono quasi tutti gli idiomi parlati in Indonesia.  I linguisti affermano, con una precisione ancora maggiore, che il malgascio è strettamente imparentato con le lingue parlate nel Borneo.

spice_routeLe rotte di navigazione che conducevano dall’Indonesia all’Africa orientale facevano parte di un grande itinerario del mondo antico: la via delle spezie.  Già 5000 anni or sono troviamo i chiodi di garofano, una produzione originaria delle Molucche (Indonesia orientale), in Mesopotamia.  Il commercio si estese rapidamente all’Egitto e di qui al Mediterraneo, alla Grecia, a Roma.  Di contro i romani fornirono all’Asia il prezioso dono del vino.                 Così la via delle spezie contribuì in maniera decisiva non solo alla prosperità economica, ma anche alle conoscenze geografiche e allo sviluppo culturale di tutti i popoli coinvolti.  E i mercanti indonesiani, con i loro carichi pregiati, si abituarono a navigare in pieno oceano per rifornire direttamente l’Africa e l’Europa ed evitare così gli intermediari e i concorrenti che erano situati sulle coste dell’India.  Il popolamento del Madagascar è dovuto proprio allo sviluppo di questa rete commerciale, sia esso stato scoperto per caso oppure sia stato oggetto di un’esplorazione programmata.

austronesia

Quasi nello stesso periodo di tempo del popolamento originario del Madagascar, gruppi di umani approdavano per la prima volta nelle isole del Pacifico centrale, spingendosi fino alle Hawaii e all’Isola di Pasqua.  L’estrema lontananza di queste isole non solo dalle masse continentali, ma anche dalle altre isole oceaniche, rende davvero memorabili queste imprese, rese possibili solo da una conoscenza assai avanzata dell’arte della navigazione.  Fatto sorprendente è che gli indigeni stanziatisi su queste isole parlavano (e i loro discendenti parlano tuttora) anch’essi lingue austronesiane, quasi all’altro capo del mondo del Madagascar.  E lingue austronesiane sono parlate in quasi tutte le isole dell’Oceania (sono austronesiani anche i Maori della Nuova Zelanda), anche se in Nuova Guinea i popoli austronesiani sono una e non hanno toccato l’Australia.                          Una serie di indizi linguistici ci aiuta a identificare la sede originaria di questi popoli, da
dove in ultima istanza avrebbe preso questo ventaglio di migrazioni ad ampissimo raggio.  E’ Taiwan, o Formosa che dir si voglia, dove è insediato l’attuale stato della Cina nazionalista.  Ancor oggi, pure in fase critica, esistono in alcune zone dell’isola vari gruppi  Continua a leggere

Benvenuto, ornitorinco gigante!

Quando furono scoperti i primi esemplari di ornitorinco in Australia, alla fine del settecento, l’animale apparve così bizzarro da far pensare a una falsificazione intenzionale.  In effetti, questa specie presenta una singolare mescolanza di tratti propri di mammiferi, di rettili e di uccelli, e in parte anche la recente decifrazione della sua sequenza di DNA ha confermato una sua collocazione eccentrica, per così dire di confine, nel mondo dei vertebrati.               L’ornitorinco ha un becco duro e prominente, che ricorda quello dell’anatra: ma è più flessibile di questo.  Solo i neonati posseggono denti, quale residuo vestigiale dell’evoluzione.  Gli adulti li hanno trasformati in placche cornee (cheratinose), che servono a loro per macinare il cibo.  Di conseguenza, si alimentano di piccole prede: vermi, larve d’insetti, gamberetti e gamberi d’acqua dolce.                                                

ornitorinco giganteLa scoperta di un molare fossilizzato di un ornitorinco adulto ha perciò fatto sensazione.  Questo molare sarebbe appartenuto a una specie di ornitorinco finora ignota, vissuta fra i 5 e i 15 milioni di anni fa in Australia.  La sensazione è destata in primo luogo dal fatto che dalle dimensioni del molare si possono desumere le dimensioni dell’animale, che sarebbero ragguardevoli rispetto alla specie dei nostri giorni: circa un metro e 30 centimetri di lunghezza, rispetto ai 50 centimetri degli ornitorinchi moderni.  In secondo luogo, la consistenza del molare sembra indicare una dieta carnivora più spinta e quindi un’attitudine più aggressiva rispetto ai suoi discendenti: da qui le prime rappresentazioni immaginifiche che ci dipingono un temibile animale che negli stagni australiani fa concorrenza ai coccodrilli, cibandosi di tartarughe, di rane e di pesci.  La nuova specie ha ricevuto il nome scientifico dalla dizione quasi impossibile di Obdurodon tharalkooschild, ma la stampa ha preferito battezzarla Platypus zilla, cioè “ornitorinco Godzilla”, con un duplice richiamo alle sue grandi dimensioni e alla sua (presunta) aggressività.

ornitorinchiOra i paleontologi ci ricordano che questa è un’ennesima illustrazione dell’incompletezza del materiale fossile: noi possiamo accertarci dell’esistenza solo di un numero di specie relativamente limitato rispetto alla varietà degli esseri viventi che popolavano la Terra nelle era passate.  Grandi sorprese sono sempre possibili.  Pensavamo che il ramo degli ornitorinchi fosse una sorta di scala, con una sola specie esistente di volta in volta, e invece appare probabile che esso sia un cespuglio, con più specie diverse che avrebbero convissuto in una stessa età. In attesa della scoperta di nuovi ritrovamenti fossili, non ci resta che ammirare le particolarità degli ornitorinchi dei nostri giorni, che recano ancora l’aura della meraviglia dell’età moderna, quando l’uomo europeo si rese conto che esistevano più cose in cielo e in Terra di quanto la sua mente non avesse mai potuto immaginare (Shakespeare). Così veniamo a sapere che è l’ornitorinco è uno dei pochi mammiferi ad accorgersi della Continua a leggere

Geografie elettorali tedesche: Berlino multicolore in una Germania bicolore

La legge elettorale tedesca, a prima vista, è riassumibile in una definizione semplice: proporzionale con la soglia di sbarramento al 5%.  Ciò vuol dire che la presenza in parlamento spetta solo ai partiti che superano tale soglia, e che solo essi ricevono un numero di seggi esattamente proporzionale ai voti ricevuti.  Dovremmo però dire, con maggior precisione:  ai voti ricevuti con la seconda scheda basata sulle circoscrizioni regionali.  Vi è però anche una prima scheda, che fa riferimento a collegi elettorali uninominali a turno unico (“all’inglese”).  Qui vince e va in parlamento chi prende più voti, foss’anche un indipendente svincolato dai partiti.  Ma la proporzione dei seggi vinti all’uninominale non deve alterare i rapporti di forza complessivi fra i partiti, che dipendono solo dalle seconda scheda.  E su questo punto sorgono notevoli complicazioni della legge elettorale, che in vista delle ultime elezioni è stata riformata proprio per regolare i rapporti tra prima scheda uninominale e seconda scheda proporzionale. Tralasciamo le complicazioni e soffermiamoci  sul fatto che le geografie elettorali tedesche che emergono dalle due rispettive schede sono diverse.  Nel voto uninominale, infatti, i due grandi partiti “popolari” (CDU/CSU e SPD) la fanno da padrone: chi vota i “piccoli” partiti nella scheda proporzionale spesso con la scheda uninominale preferisce supportare un candidato compatibile con le proprie visioni, ma che ha probabilità di essere eletto, piuttosto che il “proprio” candidato in senso stretto.  Di conseguenza è rarissimo che i “piccoli” partiti -Grüne (cioè i “verdi”), Linke e predecessori e, almeno fino a ieri, FDP – eleggano deputati attraverso i collegi uninominali. 

Nordrhein-WestfalenLe elezioni del 22 settembre 2013 non hanno fatto eccezione.  Vista attraverso l’ottica dei collegi uninominali la Germania è segnata in massima parte dal nero della CDU/CSU (che ha fatto il pieno in interi Länder, come la Baviera e il Baden-Württemberg), con varie isole rosse nelle zone metropolitane e operaie dove la SPD è tradizionalmente più forte.  Così, nella mappa accanto, vediamo la Ruhr come “cuore rosso” nella distribuzione dei collegi uninominali nella Renania Settentrionale-Westfalia.                                                                                                      Ma c’è un’eccezione rilevante: Berlino.  Nella capitale tedesca, i 12 collegi elettorali uninominali sono stati spartiti fra tutti e quattro i partiti attualmente rappresentati in parlamento. E la distribuzione del voto nelle varie parti della città è un indice significativo non solo del presente, ma anche di tutta la storia recente della capitale tedesca.  La distribuzione delle preferenze politiche non può infatti prescindere dalle particolari vicende della città, divisa per decenni sia materialmente sia ideologicamente.  D’altra parte, la politica dei nostri giorni riflette abbastanza fedelmente l’immagine per cui è nota al mondo la Berlino contemporanea: quella di un microcosmo in cui coesistono a fianco a fianco stratificazioni sociali e culturali che altrove sono in genere molto più segmentate e separate.

Berlin Wahlkreise

Secondo la geografia elettorale del 2013, le distinzioni fra Berlino ovest e Berlino est sono evidenti. La CDU si è aggiudicata cinque collegi il cui territorio si trova esclusivamente nell’antica Berlino ovest, la Linke quattro collegi il cui territorio si trova esclusivamente nell’antica Berlino est.  Poi vi sono due collegi a territorio misto: Mitte, che comprende il vecchio centro di Berlino est e due quartieri (Tiergarten e Wedding) che appartenevano a Berlino ovest e Friedrichshain-Kreuzberg, in cui il primo quartiere apparteneva a Berlino est e il secondo a Berlino ovest.  In questi due collegi, fra l’altro, la presenza di abitanti originari di tutta la Germania, per non dire di tutta Europa, è molto elevata.  E qui le preferenze politiche sono differenti: la SPD ha vinto a Mitte, i Verdi a Friedrichshain-Kreuzberg.  Del tutto particolare è la storia di quest’ultimo collegio.  Il suo rappresentante parlamentare, Hans-Christian Ströbele, è diventato una vera e propria icona del luogo: vi   Continua a leggere

USA 2013: le mille fatiche di Obama

Obama è sempre nell’occhio del ciclone.  Il presidente statunitense aveva appena raggiunto una vittoria netta, forse persino insperata, nel braccio di ferro con i Repubblicani a proposito del bilancio e del tetto sul deficit quando è stato pesantemente toccato dalla crisi di portata globale concernente le intercettazioni dei leader politici “amici”.  Ad essere coinvolta è la stessa figura personale del presidente.  Non poteva non sapere: e allora è come tutti i suoi predecessori, afferma soprattutto l’opinione pubblica tedesca, presso la quale Obama si è giocata in un attimo la notevole popolarità di cui godeva.  Quasi peggio, però, se Obama non avesse saputo o se avesse saputo troppo poco: come fidarsi di un presidente che non è in grado di porre rimedio alle deviazioni dei suoi servizi segreti?                                                                                                                     Anche sul piano interno, le opinioni attorno a Obama continuano ad oscillare.  Egli aveva saputo difendere con vigore la sua riforma sanitaria (Obamacare) dall’attacco dei Repubblicani, considerandola un passo irrinunciabile verso una maggiore equità sociale.  Ma solo pochi giorni dopo ha dovuto rigettare le critiche conseguenti a un’implementazione troppo frettolosa della riforma stessa.  Il sito a cui i cittadini dovrebbero accedere per acquistare le polizze sanitarie è macchinoso e difettoso.  Il passaggio a un sistema in linea di principio più giusto viene da molti percepito soprattutto come una noiosa incombenza burocratica. 

obama-boehnerParlavamo di una conclusione quasi sorprendente, a tutto vantaggio di Obama, della crisi del tetto del deficit.  Egli infatti è riuscito a spaccare il gruppo dei deputati repubblicani, che al loro interno non hanno saputo trovare un’unità di azione.  E, al momento del voto decisivo al Congresso, una parte dei Repubblicani ha votato con i Democratici per superare un blocco che poteva risultare distruttivo per gli Stati Uniti e autodistruttivo per il loro stesso partito.  Ma, per quanto eclatante, la vittoria di Obama è comunque provvisoria.  La speranza di superare a breve le ragioni profonde della contrapposizione fra i due partiti americani sono minime.  Il Congresso che verrà eletto nel 2014 minaccia di essere controllato dai Repubblicani alla pari di quello attuale.  E, minaccia all’interno della minaccia, il peso degli estremisti appoggiati dal Tea Party all’interno della probabile maggioranza repubblicana promette di restare elevato.  Per Obama questo significherebbe trascorrere gli anni conclusivi della sua presidenza trattando giorno per giorno, in condizioni assai tese.  E questo sarebbe un epilogo in tono minore per un mandato che era stato inaugurato all’insegna di un programma neo-roosveltiano, guidato dalla prospettiva strategica di nuovi investimenti strategici in educazione, infrastrutture, energie rinnovabili.

Edge City

Un crudo dato elettorale ci aiuta a spiegare l’attuale crisi istituzionale della superpotenza americana.  In buona parte delle circoscrizioni elettorali del Congresso un partito (Democratico o Repubblicano che sia) prevale a valanga sull’altro: con più di 20 punti di distacco.  E questo è un carattere che diventa sempre più marcato nel corso degli anni, elezione dopo elezione, e che è ancora più spinto laddove l’elettorato è in prevalenza bianco.  Il simile si aggrega al simile; il simile trova nel simile la conferma alle sue idee e questa conferma agisce da impulso per una loro ulteriore radicalizzazione.  Il rischio concreto è che questa sorta di apartheid culturale autoimposto sfoci in una perdita del senso del bene comune, in un’interruzione del plebiscito di tutti i giorni su cui la nazione dovrebbe fondarsi.  L’opposizione preconcetta e ideologica di una parte dei deputati repubblicani alla riforma sanitaria di Obama, intesa come un intervento oppressivo dello stato nelle vicende private del cittadino, è un sintomo di un processo ben più ampio e profondo.  Molti deputati, sicuri della rielezione, preferiscono interloquire unicamente con le idee e i pregiudizi dei loro elettori, dando spesso ad essi una coloritura estremista.                    Non è il nord contro il sud come al tempo di Abramo Lincoln.  I confini territoriali dei due

Continua a leggere

Joachim Gauck a Oradour sur Glane: per il mondo e per l’Europa

Il presidente tedesco Joachim Gauck sta compiendo, nell’Europa del 2013, un intenso viaggio nella memoria e nella riconciliazione.  Dopo l’abbraccio con il presidente italiano, Giorgio Napolitano, nella città martire di Sant’Anna di Stazzema, è stata la volta dell’incontro con il presidente francese, François Hollande, nella città martire di Oradour sur Glane.  Non è la ragion di stato la principale motivazione di Gauck: da allievo spirituale di uno dei più lucidi critici e martiri del nazismo, Dietrich Bönhoffer, il presidente tedesco è spinto soprattutto dalla volontà di gridare un deciso “mai più” che trascenda i confini dei popoli e delle religioni.  E tuttavia la sua presenza e le sue iniziative rendono un inestimabile servizio alla ragion di stato: non solo e non tanto a quella della Germania federale, quanto alla ragion di stato europea.  I gesti e le parole di Gauck ci ricordano come la nostra Europa sia nata all’indomani della seconda guerra mondiale per dire “mai più” alle barbarie totalitarie.  E ancor oggi, se vuole avere un futuro, l’Europa non può ridursi a un puro mercato economico o a un superstato burocratizzato e chiuso al mondo da confini rigidi e sorvegliati.  L’Europa o sarà una comunità di destino alimentata da valori che prospettino un’umanità più civile di quella ancor oggi dilaniata dai più svariati conflitti e rappresaglie locali, oppure non sarà.

Oradour

I crimini di guerra compiuti contro le popolazioni civili sono tutti efferati.  Ma certo le stragi di civili compiute dai nazisti in ritirata in molte aree d’Europa, dal 1943 al 1945, sono ai nostri occhi pagine particolarmente dolorose per la loro insensatezza.  Non hanno nessun significato militare, e sono il segno dell’accanimento di chi si rifiuta di riconoscere la fine di un folle sogno di dominazione.  Spesso, come appunto a Oradour, i soldati nazisti cercarono di proteggersi dietro a una motivazione preventiva e proprio per questo ancora più aberrante: terrorizzare per scoraggiare il possibile sorgere di un movimento partigiano.  Ma anche nei casi di una presunta risposta ad atti insurrezionali, come nel caso dell’eccidio delle Fosse Ardeatine rivendicato quale reazione all’attentato di Via Rasella, l’enormità degli effetti umani è totalmente in dissonanza con le cause conclamate e deraglia persino dalla logica della guerra, per quanto dura e inflessibile questa sia.  Siamo dinanzi all’irruzione del male in forma pura e anche a tanti decenni di distanza, e dopo tanta meritoria letteratura, la nostra comprensione continua ad avvitarsi su se stessa e a riflettere sui suoi profondi limiti.        La cronaca di quanto avvenne il 10 giugno 1944 a Oradour sur Glane, piccolo centro rurale della Francia sud-occidentale fino ad allora lontano dalla storia (e in cui la Oradour-Sur-Glane-Francerecente occupazione tedesca stava passando inavvertita) ci presenta un crescendo veramente agghiacciante proprio perché nessun abitante del luogo aveva il minimo sentore di poter correre un qualche rischio (non diciamo: un rischio fatale).  Nel momento in cui le SS concentrano la popolazione, il pasticciere parla con tutta naturalezza della necessità che i propri dolci siano sottoposti a pronta cottura, convinto di vivere un controllo di routine.  E i pochi testimoni oculari che per singoli casi fortunati hanno potuto tramandare le vicende di quel giorno ci raccontano che l’inconsapevolezza è durata fino all’ultimo, fino alle raffiche degli assassini.                        La tragedia raggiunge il suo climax infernale all’interno della chiesa, dove erano state concentrate le donne con i bambini.  Qui la strage è completa, con una sola sopravvissuta.  Chi non è vittima dell’esplosione preparata viene finito con tutti i mezzi, anche con successive esplosioni di granate lanciate sul momento, che aggiungono fuoco al fuoco e fumo al fumo.                                                                                                                 Dinanzi alla prospettiva di una sconfitta senza remissione, negli anni dal 1943 al 1945 le armate naziste estendono ai territori e alle popolazioni dell’Europa occidentale la prospettiva di “guerra di annientamento” che già avevano praticato dopo il 1941 sul fronte orientale: le popolazioni civili vengono considerate senz’altro nemiche e dai vertici viene annullata la possibilità stessa di qualche misura protettiva, di qualche limite agli eccessi più efferati. Chi abusa e travalica non solo non viene punito, ma viene considerato un buon soldato.                                                                                                                                    Il potere risanatore del tempo oggi ci ha fatto quasi dimenticare quanto profondo sia stato l’abisso in cui è scivolato il nostro continente in quegli anni.  Perché la tentazione di rispondere ai genocidi, alla pulizie etniche, alle bestialità della guerra con la vendetta pura e semplice era forte, e l’Europa è stata sull’orlo di perdersi in un interminabile labirinto di rivendicazioni.  Nella primavera del 1945, i giorni della fine non sempre sono stati i giorni del nuovo inizio, i giorni della cessazione delle ostilità belliche non sempre sono stati i

Continua a leggere

La balcanizzazione della Siria, nella guerra civile dell’Islam

Le enormi difficoltà che dovettero affrontare le potenze vincitrici della prima guerra mondiale per costruire un “nuovo ordine” europeo sono un tema centrale della storiografia contemporanea:  gli storici hanno messo in evidenza con dovizia di analisi come buona parte dei conflitti che poi sfociarono nella seconda guerra mondiale traggano le loro radici dal clamoroso fallimento delle sistemazioni geopolitiche del 1919-20.  Oggi, alla luce dei conflitti che a quasi cent’anni di distanza continuano a moltiplicarsi nel Medio Oriente, non possiamo non concludere come altrettanto fallimentare sia stata la contemporanea sistemazione post-bellica in questa area: a tutt’oggi i popoli della regione e, insieme, l’Europa e il mondo intero, continuano a subirne le conseguenze.  In particolare, disastrosa si è rivelata l’attitudine dei vincitori di allora (e soprattutto della Gran Bretagna e della Francia) di volere annientare l’avversario. Gli smembramenti concepiti a tavolino dell’Impero Austro-Ungarico in Europa e dell’Impero Ottomano in Medio Oriente continuano a gettare un’ombra lunga sul nostro presente. 

Sykes-Picot

Nel Medio Oriente arabo antecedente al 1914, che era sotto controllo ottomano, l’ordinamento territoriale era del tutto eterogeneo rispetto a quello attuale e non esisteva nulla di simile agli odierni stati di Siria, Libano, Giordania, Iraq (e tantomeno Palestina).  In particolare, il vilayet (“provincia”) della Siria non coincideva con gli odierni confini ma costituiva una sottile striscia che da Damasco si estendeva lungo il corso del Giordano fino a comprendere buona parte, appunto, dell’attuale stato della Giordania.  Il resto del territorio siriano era diviso fra il vilayet di Aleppo, quello di Beirut (che era più esteso del Libano attuale) e il sangiaccato di Zor (che comprendeva la parte desertica orientale lungo il corso dell’Eufrate).  Quando nel 1916 Gran Bretagna e Francia decisero di spartirsi sulla carta il Medio Oriente ottomano, essi non seguirono i preesistenti confini amministrativi, bensì le proprie considerazioni di ordine imperiale e simbolico: da un lato la Gran Bretagna si sarebbe facilitata la connessione fra la parte nordafricana (Egitto) e la parte asiatica (India) del proprio impero globale; dall’altro la  Francia si sarebbe assicurata regioni che ancora ospitavano nuclei consistenti di cristiani delle più varie confessioni, asserendo una continuità con quei legami simbolici, culturali e commerciali che risalivano al medioevo e alla presenza degli stati dei principi francesi al tempo delle crociate.

French Syria states map

Quando nel dopoguerra i francesi entrarono in possesso del territorio desiderato, essi dovettero affrontare direttamente il problema del governo e della coesistenza di una pluralità di culture e di religioni.  E la loro strategia originaria fu di dividere la Siria in vari stati autonomi in qualche modo corrispondenti alle varietà identitarie della regione: ai due stati di Damasco e di Aleppo (popolati in maggioranza da arabi sunniti) si aggiungevano così il Libano (popolato in maggioranza da cristiani maroniti), il sangiaccato di Alessandretta (o Hatay, con una forte presenza turca), lo stato alawita imperniato sulla città di Latakia (gli alawiti sono sciiti, in forte contrapposizione con la maggioranza sunnita) e la regione del Gebel druso.  A loro volta, i drusi sono una religione del tutto particolare, che comprende non solo elementi delle tre religioni monoteistiche ma anche concezioni gnostiche risalenti ai primi secoli dell’era moderna.                                                                                                                   La tormentata evoluzione fra le due guerre del mandato francese della Siria è testimonianza non solo della difficoltà di controllo del territorio, ma anche delle sue fratture ed eterogeneità interne.  Il Libano e lo Hatay andarono per la loro strada: il primo divenne una repubblica autonoma nel 1926 e uno stato indipendente nel 1943; il secondo fu annesso dalla Turchia nel 1939.  Al contrario gli stati di Aleppo e di Damasco (nel 1924) e gli stati alawita e druso (nel 1936) confluirono nella nuova repubblica unitaria della Siria, che acquisì la piena indipendenza all’indomani della seconda guerra mondiale (1946).     Ma non per questo si smorzò la conflittualità ancestrale fra sunniti e sciiti: risalente alle origini stesse dell’Islam, nei secoli del dominio turco era stata ravvivata dalle continue guerre fra l’Impero Ottomano di aderenza sunnita e dall’impero persiano governato dalla dinastia sciita dei savafidi: per questo motivo gli sciiti dell’Impero Ottomano erano oggetto di diffidenza e di discriminazione quali “quinta colonna” del nemico.                                    Il movimento nazionalista siriano fra le due guerre, indipendentista e tenacemente antifrancese, era dominato dai sunniti mentre gli alawiti erano tendenzialmente filofrancesi, e non molto attratti dalla prospettiva di una Siria unitaria.  Ma gli alawiti, insieme ai drusi e ad altri gruppi (pur sunniti) socialmente marginalizzati, divennero una componente decisiva dell’esercito siriano.  Così le prospettive si capovolsero: subito dopo l’indipendenza siriana, nel 1949, un colpo di stato militare rovesciò la classe dirigente che aveva condotto Continua a leggere

Airpocalypse: l’inquinamento e i rischi del modello di sviluppo asiatico

Nel mese di giugno 2013 abbiamo avuto un’ulteriore illustrazione del fatto che i problemi ecologici non possono conoscere confini nell’attuale mondo globalizzato.  La città stato di Singapore è stata invasa da una spessa caligine, e il livello di inquinamento atmosferico ha raggiunto quota 300, misurata in microgrammi per metro cubo di particolato fine, cioè di polveri sospese che possono penetrare nei polmoni (ricordiamo che per non influire negativamente sulla salute il limite della percentuale di particolato fine nell’aria non dovrebbe superare i 15-30 microgrammi per metro cubo nella media annuale).  Eppure Singapore si fa vanto di essere una città verde e vivibile, ed è anche impegnata in un ampio programma di estensione della rete metropolitana. La caligine proveniva però dagli incendi provocati intenzionalmente nella vicina Indonesia, in particolare nell’isola di Sumatra.  Scopo di tali incendi è di dilatare lo spazio destinato alla monocoltura della palma: ai nostri giorni l’olio di palma  è fatto oggetto di una grande richiesta su scala mondiale, per molteplici usi alimentari e cosmetici.  Soprattutto per questo motivo l’Indonesia è oggi uno dei paesi che più danneggia l’ecosistema della foresta equatoriale, minacciando la conservazione delle popolazioni tribali e delle specie endemiche: particolarmente a rischio sono la tigre di Sumatra e soprattutto l’orangutan.

Se a Singapore un inquinamento così massiccio può ancora risultare episodico o comunque stagionale, esso è divenuto una drammatica costante della vita urbana di Pechino e di molte altre metropoli della Cina, soprattutto settentrionale.  Le esigenze della produzione industriale e il riscaldamento nei mesi freddi qui producono un cocktail micidiale, soprattutto perché si basano a tutt’oggi sul carbone come materia prima principale.  Negli ultimi tempi a questi fattori primari si aggiunge il costante incremento del traffico privato che peggiora ulteriormente la situazione.  La vita quotidiana dei cittadini cinesi metropolitani è pesantemente turbata e in certi periodi dell’anno sconvolta, con gravi restrizioni alla loro mobilità e anche con la fuga più o meno temporanea dalle metropoli.  Ma nonostante tutte le precauzioni la loro salute continua a essere a grave rischio.  In prima linea sono naturalmente i soggetti generazionalmente o costituzionalmente più deboli: ma i danni complessivi sono ben più generali.  Nessuno è davvero immune.

beijing-pollution

La gravità della situazione è stata messa in risalto da un recente studio che mette in evidenza come gli effetti disastrosi dell’inquinamento siano ancora più pronunciati nelle regioni settentrionali: qui, infatti, il maggior rigore del clima rende indispensabile il riscaldamento (in gran parte a carbone) per lunghi periodi dell’anno. Esiste al proposito un preciso confine al quale fare riferimento: il fiume Huai, a nord del quale il governo distribuisce gratis il carbone alla popolazione per il riscaldamento invernale.  Le differenze sanitarie fra le popolazioni prese in esame, rispettivamente a nord e a sud del fiume, sono impressionanti.  La vita media dei cinesi “settentrionali” è di cinque anni e mezzo inferiore a quella dei cinesi “meridionali”, e il divario è dovuto in particolar modo alla maggior diffusione delle malattie cardiache e dei cancri al polmone.  Questo significa che nel periodo 1991-2000 le popolazioni della Cina settentrionale hanno perso complessivamente 2 miliardi e 500 milioni di anni di vita rispetto ai loro concittadini della Cina meridionale, con una parallela riduzione di un ottavo nel complesso della forza lavoro.                                                                                                                          L’attuale modello di sviluppo cinese sembra ricalcare molti aspetti dell’industrializzazione forzata dell’occidente nell’ottocento e agli inizi del novecento: scarso rispetto per l’ambiente, minima tutela per il lavoratori (il welfare era al di là da venire).  Se la Cina riesca a prendere consapevolezza delle grandi falle di questo modello di sviluppo con maggiore rapidità di quanto fece allora l’occidente è tutto da vedere: la risposta può influenzare decisamente sia la situazione ambientale mondiale, sia l’evoluzione del sistema politico e sociale della stessa Cina.  Quel che è certo che il tema dell’ambiente, di per sé non direttamente politico, può diventare oggetto di serrate contese in seguito alla pressione Continua a leggere

UK 2013: l’anno difficile di David Cameron

Gli sviluppi della guerra civile in Siria, con la cascata di dilemmi etici e geopolitici che essi comportano, hanno già esercitato un forte impatto sui sistemi politici dell’occidente.  Ciò vale anche e soprattutto per la Gran Bretagna, dove l’autorità e l’autorevolezza del primo ministro David Cameron sono state scosse dall’opposizione della Camera dei Comuni a un possibile intervento militare del Regno Unito.  A Cameron sono mancati alcuni voti sia del partner minore della coalizione, i liberal-democratici, sia del proprio stesso partito.  Di contro, il leader dell’opposizione laburista, Ed Miliband, ha segnato un punto notevole a proprio favore.                                                                                        L’anno difficile di David Cameron era iniziato con una serie di insuccessi del partito conservatore in alcune elezioni locali, dovuti soprattutto al profilarsi di un minaccioso concorrente alla destra del partito stesso: l’UKIP, United Kingdom Indipendence Party

UKIP

L’UKIP è asceso nel panorama politico britannico individuando due comodi capri espiatori per la crisi economica e sociale di questi anni: l’immigrazione e l’appartenenza all’Unione Europea.  Così oggi il partito vive un’attesa quasi messianica per il momento in cui gli elettori potranno decidere sulla futura appartenenza o meno della Gran Bretagna all’Unione, e ovviamente hanno già iniziato a premere per il “no”.  Ma forse le sue prospettive elettorali sono più legate a questioni meno epocali e tuttavia più sentite a livello quotidiano, tipo l’opposizione al divieto di fumo nei pub.  I suoi esponenti di punta si fanno scientemente notare per l’uso strategico di un eloquio politicamente scorretto.  Così il suo deputato europeo Godfrey Bloom ha suscitato indignazione definendo ‘paesi Bongo Bongo’ quelli che sono di solito definiti (o si definivano) ‘paesi in via di sviluppo’, nel contesto di un’opposizione agli aiuti pubblici destinati a questi paesi, da lui giudicati in chiave populistica quali indebita sottrazione di risorse spettanti ai cittadini britannici. La carta del politicamente scorretto, d’altra parte, è giocata ancora più sistematicamente dal leader dell’UKIP, Nigel Farage.  Anch’egli membro del parlamento europeo, si è fra l’altro fatto notare per restare ostentatamente seduto durante l’ovazione finale a un discorso di Carlo, principe di Galles, e per contestare l’elezione di Herman van Rompuy a Presidente del Consiglio Europeo definendolo una sorta di nullità ed esponente di una non nazione (il Belgio).

cameron

Mancano ancora quasi due anni alle prossime elezioni politiche, ma l’ascesa dell’UKIP ha diffuso la sensazione che il sistema politico del Regno Unito possa vivere nei tempi a venire una fase critica, dagli esiti imprevedibili.  Da parecchi mesi tutti i sondaggi danno costantemente in testa la tradizionale opposizione laburista, con margini talvolta notevoli: ma recentemente ai laburisti veniva imputata una fase di inazione e di “letargia politica” che non escludeva – anzi, a parere di molti rendeva del tutto plausibile – una rimonta decisiva dei conservatori.  Il notevole successo di Milliband nel dibattito sull’intervento in Siria ha però nuovamente confuso le carte.                                                                         All’incognita notevole del rapporto di forza fra i due principali partiti politici tradizionali, si aggiunge appunto la nuova incognita dell’ascesa dell’UKIP, che ai conservatori può sottrarre voti decisivi nei “testa a testa” con i laburisti. E non è facile ipotizzare che cosa possa scaturire, per un sistema politico tradizionalmente basato sul bipartitismo, da una competizione fra quattro partiti maggiori.  Potrebbe scaturirne una nuova semplificazione, visto che fino ad oggi la coalizione governativa con i conservatori ha portato molto discredito ai liberal-democratici, allontanandone molti elettori attuali o potenziali?  O un’età in cui le coalizioni governative non siano più l’eccezione, ma la norma?  La questione è complicata dal fatto che il populismo dell’UKIP può risultare attraente non solo per l’elettorato conservatore ma anche per una parte dell’elettorato laburista.                         La radicalizzazione degli islamici sul suolo britannico ha prodotto un’ulteriore inquietudine nell’opinione pubblica inglese, che si aggiunge alla controversia ormai quotidiana su come

Continua a leggere

La polverizzazione del jihad: UK in prima linea

La barbara uccisione del soldato inglese a Woolwich, cittadina della grande Londra, ha suscitato un’impressione duratura sull’opinione pubblica britannica e mondiale.  L’impatto è stato forse ancora più forte degli attentati con le bombe collocate sui mezzi di trasporto pubblico: a questa modalità terroristica in qualche modo ci si era assuefatti.  Il nuovo fatto di sangue, tuttavia, non fa che confermare le sensazioni già diffuse al momento dell’assalto alla maratona di Boston: oggi è molto difficile tracciare una linea netta di confine tra le operazioni militari condotte da gruppi vicino ad Al-Qaeda in Siria o in Mali e gli attentati “fai da te” che vengono progettati, e purtroppo anche messi in atto, in tutto l’occidente (che in questo caso comprende anche la Russia).  Talvolta i legami con i combattenti islamici sono diretti; talvolta gli attentatori agiscono sotto l’influenza di un predicatore d’odio che ha opera per espandere il fronte della violenza; talvolta si tratta di imitazione pura e semplice.  Ma in ogni caso menti e obiettivi dei fondamentalisti islamici sono molto simili, sia che combattano nei tanti fronti caldi dei conflitti aperti in Asia e in Africa, sia che operino negli scenari apparentemente pacifici delle città europee e nordamericane.

Anjem-Choudary1

Oggi ogni stato europeo possiede una piccola minoranza di suoi cittadini convertiti al fondamentalismo islamico con le più svariate motivazioni.  Tuttavia la condizione dei musulmani immigrati nei paesi europei è molto diversificata, e per combattere efficacemente il terrorismo bisogna sempre tener presente questa diversificazione.  In Germania, infatti, la maggioranza degli islamici è di origine turca o curda, relativamente aperta e tollerante, e talvolta perfino laica. Nei paesi mediterranei (Italia, Francia, Spagna), la maggioranza è di origine maghrebina, e quindi dagli orientamenti molteplici se non opposti, come mostrano le stesse vicende interne dei loro paesi di origine.  Invece nel Regno Unito buona parte dei musulmani è di origine nigeriana o pakistana: proviene da paesi in cui oggi l’integralismo è estremamente forte, e in cui gruppi integralisti si dedicano a condurre una loro personale guerra santa contro i cristiani o contro l’occidente.  La piaga dei predicatori d’odio nel Regno Unito sta diventando di massa.  Tristemente noto è l’avvocato di origine pakistana Anjem Choudary, che ha esaltato sia l’attacco alle torri gemelle dell’11 settembre 2011 sia il recente assassinio di Woolwich, e ha prospettato un’introduzione di una sua versione della legge islamica nel Regno Unito, di cui le prime vittime sarebbero i gay.  Dichiara esplicitamente la sua avversione alla democrazia, ai diritti umani, all’idea stessa di stato. Per di più, in quanto avvocato, costui sa districarsi molto bene nei meandri della legge per continuare ad esercitare la sua influenza distruttiva.

antifascismo

Le reazioni nel Regno Unito ai fatti di Woolwich sono state contrastanti ma nel complesso all’insegna di una certa maturità, e questo nonostante l’ascesa di una forza politica di destra (UKIP) che prende fortemente le distanze dalla prospettiva di una società multiculturale, nonché dei tentativi di strumentalizzazione da parte di forze parafasciste (come il BNP, British National Party).  Certo, non sono mancati assalti alle moschee e ai centri culturali islamici.  Ma il popolare sindaco di Londra Boris Johnson ha dato coraggio all’opinione pubblica indicando che la migliore risposta della società è quella di continuare a restare aderenti ai valori che informano una società aperta, come già al tempo degli attentati.  E intanto hanno avuto successo le manifestazioni del gruppo di pressione Unite Against Fascism, che ha il supporto delle forze politiche tradizionali e anche del primo ministro David Cameron.                           Però il problema di una radicalizzazione della gioventù islamica sul suolo inglese rimane pressante.  Anche se si sono riconosciute grosse carenze nella sorveglianza di taluni gruppi e ambienti potenzialmente pericolosi, il processo alle intenzioni resta pur sempre difficile.  E  sul piano legale non è agevole pensare a leggi speciali che non rischino di limitare una tradizionale libertà di pensiero e di espressione di una compiuta democrazia moderna.  Potrebbero persino apparire una capitolazione al nemico.                         Proprio per questo sono significativi gli sviluppi di un movimento antiintegralista (“controestremista”, come si definisce) nella stessa società islamica inglese: la Quilliam foundation, che si è dato come compito quello di combattere l’appiattimento dell’islam sul fondamentalismo e di sposare le cause del pluralismo, della modernizzazione culturale e della democrazia.  Il fatto più interessante è che i suoi condirettori, Maajid Nawaz ed Ed Husain provengono da esperienze di militanza in movimenti integralisti, il che dà loro una

Continua a leggere

Brasile, Turchia: la ricerca di una migliore qualità di vita

Recep Erdogan, il primo ministro turco, ha proposto lui stesso un paragone tra gli eventi della Turchia e quelli del Brasile.  Ma la sua interpretazione è stata tendenziosa, anzi irresponsabile: si è servito del paragone per alimentare una fantasiosa teoria della cospirazione, secondo la quale sia la Turchia che il Brasile sarebbero colpiti da chi invidia il loro successo economico presente. Lasciando da parte Erdogan, però, è indubbio che fra la Turchia e il Brasile di questi giorni ci siano manifeste convergenze, che risaltano ancor di più data la completa diversità sul piano storico, politico, culturale, religioso delle società in questione.  Forse quella più evidente è nella modalità stessa dei sollevamenti.  I movimenti sono stati auto-organizzati, e il loro successo è dovuto a un effetto valanga: sono partiti da una questione locale, con obiettivi limitati, e poi sono dilagati al di là di ogni aspettativa, compresa quella dei loro stessi iniziatori.  Almeno fino ad oggi, non hanno una vera e propria leadership o comunque le loro leadership sono molto allentate e decentrate.  Continuano a essere “rivoluzioni dei senza nome”, come in questi stessi giorni veniva ricordata la sollevazione della Germania orientale nel 1953.

sao pauloAncora più significative, però, sono le convergenze sui contenuti della protesta.  In entrambi i casi la scintilla è venuta da questioni concrete della vita quotidiana dei cittadini, che toccano però il tema centrale dello sviluppo urbano e della necessità di adottare visioni e strategie molto differenti da quelli oggi praticate.  Se a Istanbul si trattava della difesa di un parco che ha una funzione importante nella vita della città, a San Paolo la ribellione si è originata per la questione del trasporto pubblico.  Lo stato è considerato colpevole di richiedere di più (il famoso aumento dei 20 centavos) e di offrire di meno.      In Brasile come in molte altre parti del mondo lo sviluppo degli investimenti nell’ambito del trasporto pubblico non tiene il passo con le  esigenze della mobilità dei cittadini delle grandi aree urbane.  Per di più l’aumento del traffico automobilistico incrementa ulteriormente le difficoltà di circolazione del trasporto di superficie, con effetti disastrosi sui tempi di percorrenza.  Il cocktail è micidiale: alle maggiori esigenze dei cittadini si risponde con una qualità del servizio sempre decrescente.  E a questo si aggiunge il severo inquinamento atmosferico dovuto alle emissioni dei gas di scarico di auto e autobus, con gravi conseguenze per la salute dei cittadini.  Questo, fra l’altro, è oggi diventato un problema enorme per la stessa Cina. E anche la Cina, con tutta la sua attuale ricchezza e i suoi giganteschi piani di sviluppo delle ferrovie metropolitane in tutte le aree urbane, corre il concreto rischio che il processo gli sfugga di mano. Il Brasile, tanto per fare paragoni, è oggi ancora meno attrezzato della Cina.  San Paolo è famosa in tutto il mondo per i suoi terribili ingorghi stradali, e l’estensione della rete metropolitana oggi in atto non riesce a tenere sotto controllo il traffico privato.

traffico san paoloUna seconda affinità fra Turchia e Brasile è che in questo momento i cittadini, e soprattutto i giovani, non riescono a dare uno sbocco propriamente politico alla loro opposizione alle scelte governative. In entrambi i casi, per motivi molto diversi, i sistemi politici sono irrigiditi.  In Turchia il principale partito di opposizione, il CHP di orientamento laicista fondato dallo stesso Atatürk, è troppo diviso al suo interno su questioni fondamentali per risultare al momento un’alternativa credibile.  Basti pensare alla questione curda: nel CHP convivono sia curdi impegnati nel loro movimento di emancipazione, sia ultranazionalisti che vorrebbero negare ad essi ogni autonomia.  Quanto al Brasile il panorama dei partiti è molto frammentato: l’attuale presidente Dilma Rousseff si appoggia su una coalizione di 10 partiti.  Così anche nelle forze al potere trovano spazio molte espressioni dei potentati locali tradizionali.  Il fatto che oggi il governo brasiliano conti 39 ministeri la dice lunga sul gioco di equilibrio che anche l’attuale presidente deve far fronte rispetto alle esigenze fondamentalmente conservatrici dei suoi “grandi elettori”.                                                                                                                     Ma la maggiore attualità dei movimenti di protesta in Turchia come in Brasile sta nella loro critica implicita al modello di sviluppo economico in atto nelle nazioni ascendenti del mondo (e vale certamente per la stessa Cina).  Fino ad oggi i successi di questo modello hanno consentendo l’emergenza di classi medie, e di una società civile in senso proprio, in paesi che tradizionalmente ne erano carenti.  Ma oggi queste stesse classi si vedono negate quell’ampliamento dei diritti civili e quelle richieste di maggiore democrazia partecipativa per cui si sentono politicamente e culturalmente mature.  Peggio ancora, dinanzi ai possibili rallentamenti dello sviluppo economico queste classi si sentono  Continua a leggere

17 giugno 1953: la rivoluzione dei senza nome

La conclusione della seconda guerra mondiale e il crollo del regime nazista regalarono all’Unione Sovietica una posizione strategica di grande vantaggio, certamente imprevedibile solo pochi anni prima.  Stalin aveva coronato la marcia verso occidente iniziata da Pietro il Grande:  la Russia era diventata una potenza europea a pieno titolo, ed anzi teneva saldamente in pugno il cuore del vecchio continente.  Winston Churchill percepì lucidamente che una “cortina di ferro” stava dividendo l’Europa in due,  e la consapevolezza della gravità della situazione spinse gli alleati occidentali a resistere a tutti i costi ove i giochi non fossero ancora compiuti: a Berlino, a Vienna, a Trieste.                                           Sin dagli inizi, la scelta sovietica era chiara: al pari dell’impero interno, anche questo nuovo “impero esterno” sarebbe stato tenuto insieme con la forza, non col consenso.  Mai si tentò seriamente di ottenere un appoggio di quel popolo in nome del quale pure si pretendeva di governare.  E mai le “democrazie popolari” di nome lo furono di fatto: nei loro confronti i lavoratori mostrarono spesso opportunismo, ma mai una convinta adesione. 

16 giugnoCome è noto i paesi dell’Europa centro-orientale che entrarono a far parte del blocco sovietico furono rigidamente normalizzati e omologati, già nel periodo fra il 1945 e il 1950.  E questo non significava solo il completo smontaggio delle istituzioni democratiche e la perdita delle libertà civili, ma anche l’adozione incondizionata del modello di sviluppo sovietico: statalizzazione e collettivizzazione generalizzate, attacco alla proprietà privata, privilegio assoluto all’industria pesante e a quella degli armamenti.  Questo ebbe la conseguenza, certamente non auspicata, che i paesi dell’”impero esterno” divennero da subito un peso, piuttosto che una risorsa, per l’Unione Sovietica.  Le imposizioni economiche portarono infatti a crisi endemiche, e il conseguentemente dissanguamento dell’Unione Sovietica che cercava di sanarle con interventi episodici piuttosto che strutturali.  Nello stesso tempo, soprattutto in età staliniana, il terrore e la repressione aumentarono la passività e la diffidenza dei cittadini, creando un clima esattamente contrario all’impegno e allo spirito di collaborazione attraverso il quale, nei vuoti slogan dei regimi, si sarebbe dovuto procedere all’edificazione del socialismo.

17 giugno

La vicenda della DDR, o Germania Orientale che dir si voglia, è esemplare al proposito, anche se complicata dalla difficoltà identitaria del nuovo stato.  Evidentemente esso non si poteva basare su una nazione distinta da quella dell’”altra” Germania e i suoi governanti dovevano fare costantemente i conti con la storia passata e con le prospettive di un’eventuale riunificazione.  Ma le misure economiche furono comunque, come altrove, subitanee, drastiche e improvvide.  La goccia che fece traboccare il vaso fu una stretta sulle “norme del lavoro”.  La rigida pianificazione centralizzata imponeva una quantificazione della produttività dei lavoratori, per verificare il raggiungimento degli obiettivi prefissati.  Ora le esigenze produttive sarebbero state aumentate del 10 per cento, il che equivaleva direttamente a una contrazione dei salari in una situazione per altro già drammatica, con il paese vicino alla fame.  La via di uscita alla crisi economica veniva unilateralmente individuata nello sfruttamento di quelle classi popolari che nominalmente avrebbero dovuto dirigere il paese.                                                                                                            In maniera assai rapida, le manifestazioni spontanee che sorsero in tutto il paese fecero il passo decisivo: dall’economia alla politica.  Non si trattava solo di rivendicazioni economiche e salariali.  Si trattava anche e soprattutto di libere elezioni, della libertà di stampa e di opinione, del ristabilimento della democrazia.  La maturità dei lavoratori comprese che il regime doveva e poteva essere rifiutato in blocco, senza lasciargli Continua a leggere

Iran: le voci del popolo fra le crepe della teocrazia

Nessuno può definire l’Iran una democrazia, nemmeno adottando una definizione molto generosa: le offese ai diritti umani, le repressioni, gli arresti arbitrari sono costanti e negli ultimi tempi si sono persino intensificati.  Tuttavia in Iran hanno luogo elezioni dall’apparenza democratica: diversi candidati  si sfidano per ottenere un seggio parlamentare o, cosa ancora più importante, la carica di Presidente della Repubblica.  Sono elezioni a “sovranità limitata”, per un intreccio di motivi. Il primo è che sia il parlamento sia il Presidente della Repubblica hanno un potere decisionale subordinato a quello esercitato dalle vette della teocrazia islamica: la “Guida Suprema”, che è attualmente l’ayatollah Ali Khamenei, e il Consiglio dei Guardiani della Costituzione, composto da dodici membri nominati direttamente o indirettamente dalla Guida Suprema.  Il secondo è che lo stesso Consiglio dei Guardiani della Costituzione può rifiutare a suo arbitrio le candidature di persone giudicate non conformi ai valori della Repubblica islamica.  Così ogni competizione elettorale è pesantemente condizionata sin dai suoi primi passi.                                                             Nonostante queste strette maglie di controllo, il riformatore Mir-Hossein Mousavi aveva avuto un grande successo popolare nelle elezioni presidenziali del 2009.  Per sottrargli una vittoria che appariva a portata di mano, il regime ricorse allora  a brogli sistematici volti a favorire la conferma del presidente uscente Mahmoud Ahmadinejad.  Il popolo iraniano ha mostrato grande coraggio nel protestare e nel tentare di innescare una “rivoluzione verde”, che è stata pesantemente stroncata.  Lo stesso Mousavi è a tutt’oggi agli arresti domiciliari.

iran 2009Così le elezioni presidenziali del 2013 si profilavano come un evento insignificante, facilmente controllabile da un regime indurito e repressivo.  E invece le sorprese si sono susseguite.  La prima è stata il fallimento della “strategia Putin” che contava di seguire Ahmadinejad, il presidente uscente, per dare continuità al suo potere.  In Iran il Presidente della Repubblica non può ricoprire la carica per più di due mandati consecutivi.  Così Ahmadinejad ha favorito la candidatura di un suo caro amico, Esfandiar Mashaei, la quale è stata però rigettata dal severo Consiglio dei Guardiani della Costituzione.  Mashaei è un personaggio controverso, giudicato eretico dagli ayatollah per le sue affermazioni di carattere escatologico e millenaristico: egli sarebbe in contatto diretto con l’”Imam nascosto”, la figura chiave della teologia sciita che dovrebbe palesarsi alla fine dei tempi per instaurare il regno della giustizia.  Nello stesso tempo, la teocrazia islamica ha imputato sia a Mashaei sia allo stesso Ahmadinejad lo slittamento verso un nazionalismo iranico che occulterebbe i valori rigidamente religiosi su cui la teocrazia stessa è basata.  Il blocco di potere su cui si erano basate le elezioni presidenziali del 2009 è venuto meno.

hassan_rouhani

Altrettanto sorprendente è stato il rifiuto, da parte del Consiglio dei Guardiani della Costituzione, della candidatura di Akbar Hashemi Rafsanjani: il compagno della prima ora di Khomeini che già nel passato era stato due volte Presidente della Repubblica, il pragmatico dalla linea mediana che nel corso dei decenni del regime islamico ha accumulato un notevolissimo potere e una ricchezza ancora più notevole.  Egli non ha mai goduto di particolari simpatie popolari, e tuttavia nel 2009 si era schierato a fianco dei riformisti a guida della “rivoluzione verde”.  Khamenei ha forse esercitato una sorta di vendetta nei confronti di questo personaggio chiave, che a sua volta – insieme ai suoi figli altrettanto influenti – nella campagna elettorale ha appoggiato apertamente l’unica candidatura definibile come moderata o riformista: quella del religioso Hassan Rohani.

Hassan Rohani, come è noto, ha vinto al primo turno le elezioni, che hanno goduto di una partecipazione popolare elevata.  La sua fama di moderato e di riformista sembra toccare soprattutto la politica estera, e infatti le sue prime dichiarazioni dopo la vittoria sono state  Continua a leggere

La morte: ultima frontiera umana

Negli ultimi decenni un campo medico che ha avuto rapidi e sorprendenti sviluppi è quello della rianimazione susseguente all’arresto cardiaco.  In condizioni tecnologiche e operative adeguate, il cuore può essere rianimato anche ore dopo l’arresto.  E in un numero fortunatamente crescente di casi il paziente non subisce danni cerebrali rilevanti e può tornare a una vita normale.  Il fatto è che le cellule del nostro corpo, anche e soprattutto le cellule cerebrali, non necessariamente muoiono subito dopo l’arresto cardiaco.  Ed esiste un tempo critico nel quale si può intervenire, con la dovuta perizia.  Particolarmente delicato risulta l’intervento subito dopo che il cuore sia tornato a battere, perché allora si deve contrastare un processo generale di degradazione che ha già preso il via.  Diventa così necessario un raffreddamento generale delle cellule corporee e l’iniezione di specifiche soluzioni liquide.                                               Già da tempo la morte ci appare un concetto complesso, dal punto di vista medico come da quello etico.  Sono ben noti i casi del cosiddetto coma irreversibile, che si ha quando la respirazione artificiale impedisce l’arresto cardiaco ma i danni cerebrali sono ormai irreparabili.  I problemi etici, coinvolgenti l’espianto degli organi, le volontà del paziente, l’intervento e il non intervento di medici e familiari sono intricatissimi, assai discussi e sempre più controversi.  Qui abbiamo però a che fare con il caso in certo senso inverso: anche in presenza di un arresto cardiaco, il cervello rimane in vita.

sam parnia

Sam Parnia è un grande esperto di quella che con un po’ di enfasi può essere definita la “medicina della risurrezione”.  Nel suo libro Erasing death ci dà un quadro assai stimolante di questo nuovo campo di ricerca e di intervento.  La tesi centrale dell’autore è che la morte è un processo, e in quanto tale dotata di molte fasi: a certe condizioni un tale processo può essere reso reversibile.  Naturalmente Parnia non nasconde le difficoltà del compito.  La rianimazione dopo l’arresto cardiaco è un intervento “che non tollera l’errore”.  L’ospedale deve essere dotato dei potenziali umano e tecnologico adeguati; le operazioni devono concatenarsi nell’adeguato ordine, con l’adeguata velocità, con l’adeguata precisione.  E naturalmente l’intervento ha limiti intrinseci.  Il cuore deve tornare a funzionare in un corpo non troppo gravemente danneggiato: cosa che purtroppo non si verifica in molti drammatici incidenti.  E anche nel caso di molte malattie tumorali o leucemiche terminali, il corpo è talmente degradato da ripresentare ben presto condizioni che condurranno a un nuovo arresto cardiaco.  Intervenire in questi casi significherebbe solo un inutile accanimento terapeutico.

titanic

Ma quello che è importante da comprendere che siamo in presenza di una frontiera umana e tecnologica mobile: quello che cent’anni fa era impossibile oggi può divenire possibile.  Parnia ci presenta il caso di una donna giapponese trovata in condizioni di ipotermia alcune ore dopo aver subito l’arresto cardiaco: essa è tornata in vita, dopo una rianimazione altrettanto lunga, perché il raffreddamento generale del corpo agevola la conservazione delle cellule e la reversibilità dei processi vitali.  Oggi avremmo potuto salvare molte delle vittime del naufragio del Titanic, avvenuto cent’anni or sono.  I primi soccorritori arrivarono due ore dopo il naufragio, e trovarono in acqua molti corpi a una temperatura bassissima, pochi gradi sopra lo zero.  Allora questi corpi furono dati senz’altro per morti, mentre oggi faremmo del nostro meglio per salvarli.  E in futuro, quando siano a disposizione organi e parti del corpo di “ricambio”, organici o bionici che siano, potremmo porre rimedio a casi in cui oggi siamo impossibilitati a intervenire.                                                                                                                                      A questo punto il discorso di Parnia prende una piega appassionata, e costruttivamente polemica.   Per troppe persone oggi il confine tra la sopravvivenza e la morte irreversibile dipende da condizioni del tutto contingenti, quali il tipo di attrezzatura e il training del personale medico degli ospedali nei quali o vicino ai quali hanno luogo i rispettivi arresti cardiaci.  Le capacità di intervento sono del tutto diseguali; non esistono normative precise e vincolanti; non esiste nemmeno un campo di ricerca interdisciplinare di scienze della rianimazione: anche in questo caso i confini disciplinari producono una frammentazione degli specialismi e delle competenze quanto mai letali.  Parnia fa riferimento al caso molto Continua a leggere

Taksim, Istanbul: una piazza fra molti mondi

La rivolta urbana di Piazza Taksim a Istanbul si presta a molte letture, e ognuna di queste può apportare un contributo alla comprensione.  I fatti che hanno luogo in questi giorni in Turchia sono comunque una conferma del ruolo mediano di questo paese negli scenari globali.  Perché quanto avviene a Taksim è ad un tempo molto europeo e molto nordafricano/mediorientale. Da un lato esprime la rabbia di un movimento dei cittadini, che aspirerebbero a essere consultati sui grandi progetti di trasformazione urbana riguardanti la propria città, oggi imposti dall’alto.  Da un altro, questa “primavera turca” ha certamente alcuni tratti in comune con i sommovimenti del mondo arabo di questi anni e, soprattutto da parte dei giovani e delle donne, è una condanna delle contraddizioni della via “islamica moderata” adottata dal partito AKP oggi al potere.

taksim

Istanbul è una città che negli ultimi decenni si è dilatata fuori misura, ospitando nei suoi sobborghi le continue ondate di immigrazione dall’intera Anatolia.  Nello stesso tempo è stata fatta oggetto di notevoli speculazioni e cementificazioni che rischiano di stravolgere il panorama umano tradizionale, fatto ancora di vita di quartiere e di relazioni dirette.  L’idea di costruire un ulteriore centro commerciale a Gezi Park, uno dei pochi “polmoni verdi” al centro della città, è percepita come infelice sia dal punto di vista pratico sia dal punto di vista simbolico.  E intanto procede il processo di gentrification, per cui il tessuto ancora popolare dei quartieri storici viene infranto per far posto a costruzioni di maggior rendita economica, sia a scopo commerciale che abitativo, ma di dubbio valore urbanistico e architettonico.  Il timore dei cittadini che la città perda la sua tradizionale porosità, tipica della città mediterranea, per intraprendere una presunta mondializzazione falsa e forzata è più che giustificato.  Senza contare che oggi Istanbul affoga nel traffico e che i nuovi progetti viari e autostradali (come il terzo ponte sul Bosforo) rischiano di aggravare, piuttosto che di alleggerire la situazione.                                                              Ma naturalmente questa è una lettura parziale del malcontento contro il primo ministro Recep Erdogan.  A lui e al suo partito viene anche imputata un’islamizzazione strisciante che tocca la vita quotidiana dei cittadini.  Sono state approvate leggi che limitano il

raki

consumo di bevande alcoliche nelle ore notturne.  E soprattutto non verranno date licenze alcoliche ai nuovi locali situati in prossimità di moschee o di edifici pubblici: il che limita fortemente le possibilità di queste licenze, data la fitta rete di moschee e di edifici pubblici nell’urbanizzatissima Istanbul.  Non è marginale che i giovani di piazza Taksim tengano in mano le bottiglie di birra come segno di identità.  Come non è marginale che sia in atto un conflitto simbolico a proposito la definizione della bevanda nazionale turca: il raki, la bevanda alcolica a base d’anice amata dai laici, o l’ayran, la mescolanza analcolica di yogurt e acqua privilegiata dagli islamisti?  Altrettanto fastidioso viene percepito il moralismo sessuale del regime: ad Ankara è stata inscenata una manifestazione di “baci di massa” in una stazione della metropolitana, che la polizia ha puntualmente combattuto appunto con la motivazione che andava contro il codice di comportamento normativo per i luoghi pubblici.  In questo senso la società turca dei nostri giorni ha certo evidenti aspetti in comune con le società degli altri paesi islamici mediterranei dopo le “primavere arabe”: una società profondamente divisa – nei costumi prima ancora che nelle ideologie – fra laici e islamisti, anche se in questo caso la frangia islamista estrema (quella che nell’Africa settentrionale è espressa dai salafiti) è molto marginale.                                                                                                                                 Nelle vicende turche dei nostri giorni esiste però anche una componente particolare, non direttamente comparabile né con l’Europa né con il mondo islamico.  E’ la rivolta di una società stanca di autoritarismo, di quella “democrazia dimezzata” che ha accompagnato tutta la storia dello stato nazionale turco dalla sua fondazione ad oggi.  E’ noto come la Continua a leggere

TAR contro Politecnico. Dalla parte del TAR

Il TAR della Lombardia ha annullato, con ampie motivazioni, la decisione del Politecnico di Milano di tenere in inglese, a partire dal 2014, tutti i corsi delle lauree specialistiche. La questione aveva diviso gli stessi professori del Politecnico: 150 di loro hanno fatto ricorso al TAR, che così si è pronunciato sulla materia.                                                                                                                               La decisione del TAR è una buona notizia.  E’ una vittoria contro il provincialismo italiano, sempre più incline a presentare come innovative soluzioni che sono regressive, che conducono a scorciatoie, che eludono la possibilità di affrontare nella loro reale complessità urgenti nodi di fondo: le competenze linguistiche degli italiani; il loro ruolo nell’educazione; l’effettiva elaborazione di una cultura e di una mentalità internazionali.  

vocabolari

Di un ampio dibattito al proposito ne abbiamo davvero bisogno, data la discordanza e la conflittualità dei commenti a caldo della decisione del TAR.  Alcuni di questi sostengono una tesi esattamente contraria alla nostra:  si tratterebbe di una vittoria del provincialismo italiano, contro le inderogabili necessità globali. Al proposito un docente dello stesso Politecnico si è espresso in termini molto espliciti: “il TAR appoggia una maggioranza retriva”, e lederebbe l’autonomia dell’Università.                        Fra i commenti, in particolare, ci sono state antipatiche allusioni al fatto che certamente i docenti che hanno fatto ricorso sarebbero stati quelli digiuni d’inglese.  Io credo e spero che sia proprio il contrario.  Chi ama le lingue, chi riconosce l’importanza dei fatti linguistici nella storia umana e l’onnipresenza delle loro implicazioni educative, e soprattutto chi ama l’inglese, non può che plaudire alla decisione del TAR.                                                         In primo luogo, è una decisione specifica: è rivolta contro l’obbligatorietà e il carattere generale e indiscriminato della proposta del Politecnico di tenere tutti i corsi di laurea specialistica in inglese.  Sul piano giuridico, è difficile sostenere la costituzionalità di questa generalizzazione, e in particolare la sua consonanza con l’articolo 33 della Costituzione che sancisce la libertà di insegnamento.  Ma lasciando ai giuristi il loro mestiere, noi vorremmo riflettere sulle possibili implicazioni formative di una tale decisione.  E notare come essa dovrebbe venire attuata a prescindere dalla nazionalità e dalle competenze linguistiche dei docenti e degli studenti. L’inglese verrebbe utilizzato come lingua veicolare anche in situazioni in cui il docente e l’assoluta maggioranza degli studenti hanno come lingua nativa l’italiano e, al limite, in cui tutti nell’aula hanno come lingua nativa l’italiano.

crusca
Ora, la lingua nativa è quella in cui la propria competenza linguistica è massima.  Naturalmente anche nell’Italia dei nostri giorni vi sono molti individui perfettamente bilingui o multilingui  che hanno una competenza assai elevata in più lingue, ma questi non sono la maggioranza (e, fra l’altro, solo una piccola parte di loro sono bilingui italiano/inglese).  Adottare l’inglese come lingua veicolare comune fra individui tutti di lingua nativa italiana può comportare un calo notevole della competenza linguistica complessiva (a prescindere dalle forti difformità delle condizioni linguistiche di partenza fra studente e studente).
Il rischio concreto è un circolo vizioso di impoverimento linguistico che conduca a una semplificazione del pensiero e a una riduzione della qualità formativa.  A meno di non essere ancorati a una visione riduttiva del linguaggio, secondo il quale esso veicolerebbe informazioni e contenuti invarianti.  E’ evidente, al contrario, che la qualità del linguaggio partecipa in maniera decisiva alla costruzione dei contenuti, e che per comprendere concetti e idee le modalità narrative sono almeno altrettanto importanti della stringenza logica dell’argomentazione.
oxfordQuel che è peggio, però, che le possibili carenze nell’apprendimento concettuale non sarebbero affatto compensate da un avanzamento nell’apprendimento dell’inglese.  Il cattivo inglese dei docenti sommato al cattivo inglese degli studenti produrrebbe piuttosto un disapprendimento dell’inglese. Dicendo ‘cattivo’, non ci riferiamo a un problema soggettivo.  Ci possono essere persone, docenti e studenti, con ottime conoscenze dell’inglese: ma se la maggioranza di loro non è di lingua nativa è assai difficile evitare il rischio della stessa semplificazione linguistica.  Si dirà che quello che importa sarebbe l’apprendimento di un inglese minimale per farsi capire nel mondo.  Ma allora la vera vittima sarebbe l’inglese stesso, perché al suo apprendimento verrebbero posti seri vincoli.  Il messaggio rivolto implicitamente agli studenti è di non cercare di apprendere l’inglese in quanto lingua di cultura con le sue complessità e sfumature, ma piuttosto l’inglese in quanto gergo di specialisti.  Per quanto riguarda la capacità di muoversi nei contesti internazionali si rischia persino di ottenere quasi l’esatto contrario.                                                                       Difficile e contraddittoria diventa in particolare la posizione dei docenti.  Nella sua funzione di docente di una specifica disciplina il docente che usa l’inglese non è, per definizione stessa, un docente di inglese.  Eppure gli si richiede, implicitamente, anche di esercitare il ruolo di docente di inglese, senza dargli né il mandato, né gli strumenti, né la competenza (a prescindere, ripetiamo, da ogni variabile qualità soggettiva).  Il risultato diventa così del tutto casuale e incontrollabile, e rischia di mettere in imbarazzo anche e soprattutto chi l’inglese lo sa egregiamente.   E invece, le modalità di apprendimento dell’inglese nella nostra scuola e nella nostra università dovrebbero essere di elevata qualità, condivise, approfondite, parallele e intrecciate agli apprendimenti disciplinari e contenutistici piuttosto che ad essi meccanicamente appiattite e subordinate.
La questione, naturalmente, cambia quando si hanno presenti situazioni in cui buona parte dei presenti in aula non hanno l’italiano come lingua nativa o, ancora di più, quando il docente non ha l’italiano come lingua nativa.  Ma anche in questi casi non è auspicabile attaccarsi a soluzioni troppo generali: questo dovrebbe essere un monito tenuto presente  Continua a leggere

Hatay: fra turchi e arabi, fra cristiani e islamici

Il recente attenato di Reyahnli, città turca in prossimità del confine con la Siria, è stato un grave fatto di sangue: l’esplosione di due autobombe ha fatto almeno 46 morti e 140 feriti.  E ha contribuito notevolmente all’aumento della tensione internazionale, giacché la Turchia ritiene che alla sua fonte si trovino i servizi segreti del regime siriano di Assad.   Da parte governativa siriana, invece, si è asserito che, se dei siriani sono alla base dell’attentato, essi dovrebbero essere ricercati nella vasta e contraddittoria schiera degli  oppositori al regime di Assad.  Anche in Turchia c’è comunque chi crede al possibile intervento di gruppi di integralisti islamici, per destabilizzare ulteriormente la regione.

L’attentato ha riproposto in primo piano la lunga e ricchissima storia della provincia dello Hatay, un luogo a tutt’oggi multiculturale e multireligioso, in cui si sovrappongono le rispettive aree di popolamento dei turchi e degli arabi.               antiochia di siriaIl carattere strategico dell’area per le relazioni fra occidente e oriente risale almeno all’età ellenistica.  Nel 300 a. C. Seleuco – uno dei più importanti successori di Alessandro Magno – vi fondò la città di Antiochia e ne fece la capitale del suo regno.  Antiochia di Siria, o Antiochia sull’Oronte (come fu chiamata per distinguerla da altre città omonime) divenne poi la capitale della provincia romana della Siria.  Dopo Roma e Alessandria d’Egitto fu la terza città più popolosa del mondo nell’evo antico.                                               Antiochia fu teatro di importantissime vicende del Cristianesimo delle origini.  Forse il primo a introdurvi la nuova fede fu San Pietro, e questo fece sì che il patriarca di Antochia rivendicasse un suo primato rispetto al papa di Roma.  Fu poi sede della predicazione di San Paolo e fu qui che i seguaci di Cristo vennero per la prima volta considerati appartenenti alla nuova religione ‘cristiana’.  Ad Antiochia si insediò uno dei cinque patriarcati della cristianità originaria (con Roma, Alessandria, Costantinopoli e Gerusalemme), che ancora adesso si continua nel titolo conferito al patriarcato della chiesa ortodossa orientale con sede a Damasco.                                                                           bundestagHatayDistrutta da un terremoto nel 526, la città non tornò più al suo antico splendore. Insieme alla regione circostante, Antiochia appartenne successivamente ai persiani, ai bizantini, ancora ai persiani, agli arabi, ancora ai bizantini, ai turchi selgiuchidi, a vari principi cristiani spinti in oriente dalle Crociate, ai mamelucchi e infine, dopo il 1517, all’Impero Ottomano.  Le vicende storiche lasciarono una profonda e variegata stratificazione etnica e religiosa, che ancor oggi è una caratteristica di tutta quanta la Siria.  E al vilayet (“provincia”) di Aleppo, che comprendeva buona parte della presente Siria, la regione dello Hatay apparteneva agli inizi del novecento e allo scoppio della prima guerra mondiale, quando la parte araba dell’Impero ottomano divenne oggetto delle mire delle potenze europee: Gran Bretagna e Francia.  Come è noto, ebbe allora luogo un intricato gioco diplomatico.  Da un lato Gran Bretagna  Continua a leggere

Germania, 2013: una stabilità sofferta

Alternative für Deutschland, il nuovo “partito antieuro” tedesco, nei sondaggi per ora non decolla.  Anzi, non si presenterà alle elezioni regionali bavaresi perché il tema dell’uscita dall’euro viene considerato di poca incidenza rispetto alle questioni locali.  Tuttavia i partiti consolidati rimangono circospetti, perché l’adesione all’AfD non è motivata tanto dalle valutazioni economiche dei loro leader, ma da una spinta alla contestazione del sistema partitico tradizionale.  A tutt’oggi è difficile che AfD superi la soglia del 5% per essere rappresentato in parlamento.  Ma ci sono altri modi in cui può influire sul futuro governo della Germania.  Il più evidente è che possa drenare dai liberali (FDP) un numero di voti sufficiente a far sì che questi ultimi non superino essi stessi la soglia di sbarramento.  E così la CDU/CSU, pur ampiamente partito di maggioranza relativa, si troverebbe senza il suo partner di coalizione designato.  Nello stesso tempo, continua ad essere dubbia la possibilità che l’opposizione (SPD e Verdi) arrivi alla maggioranza assoluta.  In tal caso il sistema politico tedesco andrebbe incontro a uno stallo, più o meno transitorio.

bundestag

Nei quasi sessantacinque anni della sua esistenza, la stabilità del sistema politico della Repubblica Federale Tedesca è stata notevole, ed è stata ben poco scossa anche dalla riunificazione.  La memoria della frammentazione parlamentare della Repubblica di Weimar aveva suggerito ai costituenti l’elaborazione della soglia elevata di sbarramento del 5% dei voti per la rappresentanza parlamentare (con l’eccezione, che a livello macroscopico si è rivelata trascurabile, della possibile conquista di mandati diretti da parte di candidati forti sul piano locale).  La semplificazione politica che ne è derivata è stata elevata e persistente: un grande partito popolare di centro-destra (CDU) e uno di centro-sinistra (SPD); un “partito mediano” più piccolo e più d’opinione, pronto a fare l’ago della bilancia (FDP); un’integrazione permanente della forte specificità bavarese (rappresentata dalla CSU) nel progetto politico della CDU.  Così l’alternanza fra centro-destra e centro-sinistra è a lungo funzionata proprio grazie a questo “bipartitismo imperfetto”, e la soluzione più anomala della “grande coalizione” è stata presente solo come opzione transitoria.                                                                                                     Col tempo, è emersa una virtù complementare del sistema politico tedesco: la sua capacità di integrare forze nuove, una volta che fossero in grado di conquistarsi una base sociale ampia e radicata nel territorio.

german elections

Così i Verdi (Grüne) sono entrati stabilmente nel parlamento nel 1983 e  dopo la riunificazione tedesca, a partire dal 1990, vi è stato posto anche per l’erede del partito egemone della Germania orientale (la SED): dapprima nelle vesti di un partito insediato solo nei Länder orientali della Germania (PDS) poi, grazie alla fusione con movimenti fuoriusciti dalla sinistra socialdemocratica, nelle vesti di partito pantedesco: die Linke (a partire dal 2005).                                                                                                                             In questo modo le possibilità di scelta per l’elettore tedesco sono aumentate e ciò ha prodotto una corrosione strutturale della base di voti dei due partiti popolari tradizionali: dal 90,8 % congiunto che avevano preso nelle elezioni del 1976, il loro share dell’elettorato tedesco è sceso progressivamente fino al 56,8% congiunto delle elezioni del 2009.  Nello stesso tempo le possibilità di scelta sono aumentate anche per i leader e i partiti politici.

Continua a leggere

Riscaldamento globale: energie rinnovabili, unica via d’uscita

L’osservatorio del Mauna Loa (nelle Hawaii) per la prima volta ha raggiunto una concentrazione atmosferica di CO2 pari a 400 parti per milione.  Il superamento della soglia non è da sottovalutare: prima dell’età industriale il livello medio dell’anidride carbonica si aggirava attorno a 280 parti per milione.  Oltretutto l’aumento della concentrazione di CO2 si accelera anno dopo anno.  Concentrazioni simili – è vero – si erano già registrate nell’Artico: l’emisfero settentrionale è quello più colpito, dato che qui si situano i maggiori responsabili delle emissioni provenienti da combustibili fossili (Cina e Stati Uniti, insieme, producono il 37% di tali emissioni, rispetto a quelle complessive del pianeta).

Rinvenire un’elevata concentrazione anche alle Hawaii è tuttavia un indizio pesante della diffusione di un pronunciato riscaldamento in tutte le aree del pianeta.  Anche se l’Artico e le elevate latitudini settentrionali resteranno pur sempre le aree più colpite, in un giorno non troppo lontano effetti macroscopici potrebbero farsi sentire anche sui ghiacci antartici.  E il livello del mare, allora, salirebbe ancora di più di quello stimato imminente sulla base dello scioglimento dei ghiacciai groenlandesi.  In ogni caso, siamo già pericolosamente vicini alla soglia ulteriore di 450 pm, che è bene non superare per restringere l’aumento dell’attuale temperatura globale a 2°, ultimo limite di sicurezza per evitare  conseguenze dannose al benessere umano e alla biodiversità tutta.

Mauna Loa

L’attuale accelerazione del riscaldamento globale dipende non solo da tendenze di lungo periodo ma anche da una situazione più contingente: una sorta di rilassamento – per non dire di rallentamento – nella transizione verso le energie rinnovabili.  L’urgenza di questa transizione era ed è a tutt’ora imposta dal fatto che le energie fossili sono in via di inevitabile esaurimento.  Si è molto speculato sul momento in cui si possa collocare il “picco del petrolio”, oltrepassato il quale i suoi giacimenti inizierebbero ad esaurirsi.  Anche se le stime variano, questo picco del petrolio si è spostato un po’ in là del tempo.  Ma sono soprattutto le risorse di gas naturale che si sono rivelate più ricche di quanto ipotizzato in precedenza.  Inoltre molte aree, oltre a quelle tradizionalmente considerate, si sono aggiunte quali territorio di sfruttamento delle risorse energetiche fossili.  Evidentemente l’estrazione di petrolio o di gas in mare aperto o in aree lontane e di difficile accessibilità (come le regioni artiche) presenta a tutt’oggi costi elevati: e tuttavia considerazioni di ordine economico e politico spesso conducono a uno sfruttamento intensivo anche di queste “nuove frontiere” delle energie fossili, provocando notevoli problemi di ordine ambientale.                                                                                                             Nel contempo, si stanno facendo strada metodi non convenzionali di approvvigionamento di riserve non convenzionali delle energie fossili.

frackingQuello più attuale e controverso è il fracking o fratturazione idraulica: l’utilizzo di acqua o di altri liquidi, a pressione elevata, per creare o amplificare le fratture in particolari strati geologici con l’obiettivo di rendere più agevole l’estrazione degli idrocarburi qui presenti: soprattutto il metano contenuto in particolari tipi di argille (shale gas).  Negli Stati Uniti già una buona parte delle risorse di gas naturale è ottenuta con processi di tal genere, e si conta di produrne ancor di più in futuro.                                                             Il fracking  è contestato in sé e per sé, perché inquinante e nocivo per gli equilibri ambientali.  Si è anche ipotizzato che talvolta possa favorire un’attività sismica indesiderata.  Ma, insieme, è opportuno sottolineare che il prolungamento indefinito dell’uso generalizzato del gas naturale è dannoso a lungo termine per almeno due motivi: il  Continua a leggere

Wembley, 1963: quando Milano era capitale

A Wembley non solo i tedeschi festeggiano in questi giorni un anniversario importante.  Anche noi italiani dobbiamo celebrare una ricorrenza altrettanto significativa.  Il 22 maggio 1963, infatti, proprio a Wembley il Milan sconfisse 2-1 il Benfica di Lisbona nella finale di Coppa dei Campioni, inaugurando una serie di vittorie che negli anni sessanta resero Milano l’indiscussa capitale del calcio europeo.  A questa Coppa dei campioni del Milan sarebbero seguite le due Coppe dei campioni consecutive dell’Inter (1963-64, 1964-65) e la seconda Coppa dei campioni del Milan (1968-69).  Aggiungiamo anche le tre Coppe intercontinentali (Inter, 1964 e 1965; Milan, 1969); le due Coppe delle coppe vinte dal Milan (1967-68, 1972-73); le due finali di Coppa dei campioni perse dall’Inter (1966-67,1971-72); la finale di Coppa delle coppe persa dal Milan (1973-74).            

RoccoAlla finale di Wembley, il Milan era arrivato con passo sicuro, con un notevolissimo saldo reti (31 gol fatti, 5 subiti) e due sconfitte su misura in trasferta senza mettere a rischio qualificazioni già abbondantemente conquistate.  Gli avversari, a dire il vero, non erano stati eclatanti: i dilettanti lussemburghesi dell’Union Luxembourg, i turchi del Galatasaray che allora non era affatto la squadra prestigiosa dei tempi recenti, e due squadre britanniche di buono ma non eccelso livello: gli inglesi dell’Ipswich Town e gli scozzesi del Dundee FC.  Il cammino del Milan non bastava a renderlo il favorito della finale, che restava il Benfica.  Quelli erano gli anni del suo dominio europeo: il Benfica si era aggiudicato le due coppe precedenti in combattute finali con grandi rivali spagnoli.  Nel 1961 aveva sconfitto (3-2) il Barcellona di Luis Suarez, che nei turni eliminatori aveva a sua volta posto fine al predominio assoluto del Real Madrid di Puskas e di Di Stefano, vincitore consecutivamente dei primi cinque titoli europei (1956-60).   Nel 1962, rafforzato dall’astro nascente Eusebio, aveva sconfitto lo stesso Real Madrid in una partita dall’andamento drammatico: 5-3, con il Real tre volte in vantaggio grazie ad altrettante reti di Puskas.  Nel 1957-58, però, anche il Milan era andato molto vicino alla vittoria contro il grande Real: aveva dovuto cedere solo ai supplementari (3-2), dopo essere stato due volte in vantaggio.

Altafini_Liedholm

Il Milan che vinse a Wembley era un sapiente impasto di giovani e di giocatori più esperti.  I giovani erano Gianni Rivera e Giovanni Trapattoni, che avrebbero costituito per molti anni a venire i pilastri della squadra e si sarebbero aggiudicati anche la seconda coppa.  I giocatori più esperti, fra gli altri, erano l’ala Gino Pivatelli, il centromediano Cesare Maldini, il portiere Giorgio Ghezzi i quali, dopo parecchi anni di valide carriere nazionali, riuscirono a fregiarsi di un prestigioso titolo internazionale.  Aggiungiamo il raffinato regista, il brasiliano Dino Sani che era stato fra i vincitori del campionato mondiale del 1958.                                                             Nella stagione l’elemento di maggior spicco fu senz’altro il centravanti José Altafini, autore proprio a Wembley dei due gol con i quali il Milan capovolse il risultato, aperto nel primo tempo dal gol portoghese di Eusebio.  Soprattutto, Altafini fu il capocannoniere della Coppa con un totale di 14 gol: una cifra che ancor oggi non è stata superata ma soltanto eguagliata, da Ruud Van Nistelrooy del Manchester United nel 2002-03 e da Lionel Messi del Barcellona nel 2011-12 (notiamo che i gol di Altafini furono segnati in 9 partite, mentre a Messi e a Van Nistelrooy ce ne sono volute 11).                                                               Ma il protagonista assoluto della stagione d’oro del Milan negli anni sessanta è senz’altro l’allenatore Nereo Rocco, il popolare paron triestino il cui ricordo oggi è sconfinato nelle regioni del mito. Lasciamo alla lettura del bel libro di Gigi Garanzini, Nereo Rocco, e delle testimonianze qui raccolte il compito di spiegare la rilevanza non solo storica ma anche culturale dell’allenatore triestino: la sua grande sensibilità gli consentiva di ricercare e di realizzare un equilibrio fra le pressioni di un mondo del calcio già professionalizzato e mediatizzato e la valorizzazione delle relazioni umane e personali quale risorsa decisiva per un vincente spirito di squadra.  Qui ricordiamo soltanto come Nereo Rocco sia arrivato ai successi europei relativamente tardi, dopo aver già conseguito risultati di assoluto valore   Continua a leggere

Bayern-Borussia Dortmund: la celebrazione della Bundesliga

L’imminente finale di Champions League fra Bayern Monaco e Borussia Dortmund è la migliore celebrazione dei cinquant’anni della Bundesliga, il maggior campionato di calcio tedesco.  Il particolarismo tedesco, infatti, aveva mantenuto in vita un sistema di leghe regionali fino a dopoguerra inoltrato.  In Germania (federale) il sistema a girone unico iniziò la sua vita solo nel 1963, insieme all’introduzione di un professionismo calcistico vero e proprio.  Per fare raffronti: il campionato inglese nasce con il girone unico nazionale nel 1888-89;  il campionato spagnolo nasce a girone unico nel 1928-29; il campionato italiano diventa a girone unico nel 1929-30; quello francese nel 1933-34.  E nel costituire una lega nazionale la Germania federale è stata buon ultima, anticipata persino dall’Olanda (1956-57), dalla Grecia (1959-60), dalla Turchia (1959).

Bayern-Muenchen

Il primo campionato di calcio tedesco risale al 1902-03.  Le formule sono variate anche in dipendenza della storia tormentata della nazione, ma la costante è stata una serie più o meno lunga di eliminatorie regionali che poi culminavano in una finalissima.  Nella Germania Occidentale del dopoguerra, dopo il 1949, questa struttura era stata standardizzata con un sistema a cinque leghe: Nord (Amburgo, Brema, Bassa Sassonia, Schleswig-Holstein); Ovest (Renania Settentrionale-Westfalia); Sud-ovest (Renania-Palatinato; Saar); Sud (Assia, Baviera, Baden-Württenberg); Berlino ovest.  Di solito, i gironi erano a 16 squadre, salvo Berlino che ne aveva 10.  Alla fine le squadre migliori disputavano due gironi di semifinale e le vincenti si disputavano il titolo nella finalissima.  Questo sistema presentava molti derby e incontri di cartello sul piano locale, ma era anche molto squilibrato: piccole squadre di piccoli paesi potevano fregiarsi dell’orgoglio di incontrare i club e i giocatori più famosi del paese, talvolta con risultati sorprendenti, talvolta con sconfitte memorabili.  Ma solo le fasi finali, in genere, erano dotate di un equilibrio competitivo.                                           Mentre l’età delle leghe regionali aveva visto molte squadre alla ribalta, i cinquant’anni della Bundesliga hanno visto l’indubbio predominio del Bayern Monaco.

borussia-dortmundIl Bayern aveva vinto il suo primo titolo di campione tedesco nel 1932 ma poi, nel dopoguerra, non aveva ottenuto grandi risultati (a parte una coppa di Germania nel 1957).  E nel 1963 non era stato nemmeno fra le squadre selezionate per la prima stagione nella massima serie. Così, il Bayern restò ancora due anni nelle serie regionali e ottenne la promozione nella massima serie alla fine della stagione 1964-65.  Ma poi, nei 48 anni successivi, ha conquistato 22 titoli di campione di Germania: il primo nel 1968-69, l’ultimo pochi giorni fa.  Aggiungiamo altre 14 coppe di Germania e i successi internazionali: quattro fra Coppe dei campioni e Champions League (tre consecutive dal 1974 al 1976, e poi nel 2001) con due coppe intercontinentali (1976, 2001); una Coppa delle coppe (1967); una Coppa UEFA (1996).     Il Borussia Dortmund fece invece i suoi primi successi proprio nei campionati della Germania occidentale del primo dopoguerra.  Vinse tre titoli di campione tedesco (1955-56, 1956-57, 1962-63) e in altre due occasioni arrivò secondo, disputando la finalissima.  Al contrario del Bayern, con l’introduzione della Bundesliga il cammino per il Borussia

Continua a leggere