Legge elettorale e complessità sociale: una relazione necessaria

La proposta di una legge elettorale assai discutibile ha suscitato qualcosa di positivo: se ne discute a fondo.  Le posizioni sono variegate: chi è decisamente contrario (Eugenio Scalfari, e il gruppo di giuristi – con Stefano Rodotà – che ha promosso un appello di opposizione); chi propone miglioramenti sostanziali (Massimo Teodori); chi è favorevole con la motivazione, da me personalmente non condivisa, che l’azione sia comunque migliore dell’inazione. Tutti comprendono che la posta in gioco è notevole, e che i problemi sollevati ci accompagneranno a lungo.                                                                                 Attendiamo gli sviluppi dell’iter parlamentare per vedere se possano venir emendati alcuni fra gli aspetti più contestabili della proposta di leggi.  Tali sono le soglie di sbarramento troppo alte (come quella dell’8% per una lista che si presenta da sola, troppo vicina all’inutile e punitiva soglia in 10% della Turchia); la macchinosa distinzione tra la soglia per chi si presenta da solo e la soglia di chi è in coalizione; lo spiacevole destino che incomberebbe sugli alleati minori di un partito vincente, che rischierebbero di trovarsi esclusi dal parlamento pur contribuendo in maniera decisiva a far scattare il premio di maggioranza per il loro partner.   Ma la questione cruciale resta quella del premio di maggioranza e della logica con cui viene sostenuto: l’esigenza di governabilità sarebbe decisamente da anteporre rispetto al principio di un’equa rappresentanza. Su questo punto, salvo la sorpresa improbabile di una clamorosa bocciatura parlamentare, è difficile pensare a miglioramenti sostanziali: è una questione di tutto o niente.

scalfari rodotàE’ probabile che i più conseguenti oppositori della nuova legge riusciranno a investire nuovamente la Corte Costituzionale del quesito se il premio di maggioranza sia legittimo, anche in questa nuova formulazione.  La controversia non è banale.  Molti fautori della nuova legge sostengono che essa è un sostanziale mutamento della vecchia, perché stabilisce una soglia precisa per l’ottenimento del premio di maggioranza (37%).  Ma se nessuna delle forze in gioco raggiungesse la soglia al primo turno, potremmo avere un ballottaggio con i due contendenti situati, ai nastri di partenza, rispettivamente al 29,54% e al 29,18% dei voti (sì, questo è successo nelle elezioni del 2013, nel voto per la Camera!).  E ci ritroveremmo nella situazione per nulla equa del 2013: un 29,54% dei voti (o un 29,18%, perché ovviamente al ballottaggio non si può escludere un sorpasso) porterebbe alla fine al 55% dei seggi, con un distacco minimo nel voto popolare iniziale che si dilaterebbe a dismisura nella distribuzione finale dei seggi.  La Corte terrà ovviamente in debito conto gli aspetti giuridici e costituzionali della questione, e non possiamo anticipare i suoi pronunciamenti al riguardo.  Ma sul piano politico, è difficile negare che abbiamo a che fare con una sorta di cosmesi di un aspetto indesiderato della legge con cui si è votato nelle ultime tornate elettorali.

renzi berlusconi

E’ anche e soprattutto sul piano politico che la legge deve essere valutata, parallelamente a quello giuridico-costituzionale.  E’ una legge errata, ed espone a gravi rischi.  E’ una legge che pensa al presente, o al futuro a breve termine, perpetuando il difetto capitale della politica, dell’economia, della managerialità dei nostri giorni. Promette non stabilità, ma staticità.  Nel sistema politico non inietta flessibilità, ma rigidità.  E questo, a medio e lungo termine, può essere pericoloso.  Dinanzi a perturbazioni esterne, impreviste, un sistema flessibile è in grado di reagire e di evolvere.  Un sistema rigido, è più probabile che si spezzi.                                                                    Il problema serio è che la voluta combinazione di un premio di maggioranza decisivo e di soglie di rappresentanza troppo elevate fa trasparire un timore, condiviso dalle due forze oggi prevalenti, della possibile emergenza di minoranze influenti.  E questo timore del futuro può apportar loro seri danni.  Perché la legge prospettata dà a queste forze una rendita di posizione che a breve appare garantita, ma che proprio per questo si può rivelare illusoria e ottundente.  Perché perpetua la loro presente tentazione di percepirsi come autocentrate e come autosufficienti, invece di dedicarsi alla qualità delle loro proposte, momento dopo momento.  Perché irrigidisce il loro sguardo sull’unico obiettivo, periodico e rituale, della vittoria “tutto o niente”, invece che decentrarlo su traguardi parziali che arricchirebbero di valore il tempo della politica.    Perché le rende più sorde al gioco dell’innovazione, di pensiero e di azione, talvolta favorito proprio dalla competizione con contendenti nuovi e imprevisti.                                                                                      Parliamo, ripeto, per il futuro, e il futuro non è una replica identica del presente.  Il problema è che la logica e la retorica soggiacenti a queste scelte asserite nel nome della governabilità sono impregnate (in massima parte non consapevolmente) di una visione della storia già vecchia, e del tutto inadeguata.  Parliamo di quell’idea di “fine della storia”     che era emersa subito dopo la svolta del 1989, per essere poi smentita clamorosamente

Continua a leggere

Europa 2013: la difficile arte delle coalizioni

Agli inizi dell’autunno del 2013 si sono svolte, quasi in simultanea, le elezioni in tre paesi dell’Europa Centrale: Germania, Austria, Repubblica Ceca.  Anche se i sistemi dei partiti nei paesi in questione sono diversi, gli andamenti post-elettorali si sono rivelati convergenti.  Sono seguiti mesi di laboriose trattative, e alla fine sono sorti governi di “grande coalizione”: coalizioni che mettono insieme partiti astrattamente collocati in luoghi distanti dello schieramento politico e che per aver successo devono praticare saggiamente la difficile arte della negoziazione. Soprattutto in Germania e in Austria questa non è una novità: la grande coalizione è anzi percepita come condizione possibile e normale del corretto funzionamento democratico del paese.  Ma se pensiamo anche alle “grandi coalizioni” che reggono attualmente Olanda, Belgio, Finlandia, Grecia ci rendiamo conto che lo stretto bipolarismo oggi non è così prevalente nei sistemi politici europei come lo era in un passato anche recente.  Al contrario questi mostrano una varietà di comportamenti che inizia a riflettere l’incremento delle variabili nei panorami sociali e culturali del nostro continente: una certa frammentazione dell’opinione pubblica e, insieme, l’emergenza di nuove opposizioni non più riconducibili a quella tradizionale fra sinistra e destra (che pure mantiene il suo significato).

merkel-gabriel

Per varare il governo tedesco ci sono voluti quasi tre mesi.  Ma il tempo trascorso è stato politicamente rilevante, giacché la SPD (uscita numericamente debole dai risultati elettorali) l’ha utilizzato per riequilibrare la sua immagine pubblica nei confronti della CDU/CSU che nel voto del 22 settembre aveva persino sfiorato la maggioranza assoluta dei seggi del Parlamento.   Così la SPD ha ripreso a sua volta l’iniziativa: incalzando gli altri partiti nell’agenda degli accordi sui contenuti politici e soprattutto sottoponendo all’approvazione dei propri iscritti la scelta dei vertici a favore della “Grande Coalizione”.  La mossa è stata rischiosa, ma ha pagato: il suo proponente, il presidente della SPD Sigmar Gabriel, è stato così ampiamente legittimato nel suo ruolo strategico di Vicecancelliere e di Ministro dell’Economia, con una delega aggiuntiva per la delicata questione della svolta energetica.  E, in taluni momenti, la CDU è apparsa sulla difensiva.                                                                                                                                 In Germania il partito antieuro dell’AfD non è entrato in parlamento, e non possiamo parlare di coalizione imposta dalla marea montante dei neo-nazionalismi.  Diversa la situazione in Austria dove al nazionalismo e il populismo, con venature di estrema destra, della FPO – già consolidato dal tempo di Jörg Haider, dopo il 1986 – si è aggiunto anche il (moderato) successo della tecnocrazia anti-euro del miliardario Frank Stronach.

Stronach Strache

Con circa il 23% dei voti indirizzati verso movimenti euroscettici, si è imposta la prosecuzione della coalizione già al governo prima delle elezioni: socialdemocratici (SPO) e popolari (OVP). Notiamo però che nelle elezioni di ottobre la percentuale complessiva dei consensi dei due partiti, sommati insieme, è calato di più del 4 per cento.  E’ un segno indicativo della difficoltà delle “grandi”  coalizioni nei momenti di crisi, che lasciano uno spazio crescente a forze definibili, in un modo o nell’altro, come “anti-sistema”.  Gli odierni sondaggi che riguardano le prossime elezioni olandese e belga prospettano scenari simili anche per questi paesi.                                                                                                      Partiti che possono essere considerati antisistema ne esistono anche nella Repubblica Ceca: i comunisti, ancora in parte legati al passato del “socialismo reale”, e l’estrema destra di Tomio Okamura, anti-UE e soprattutto anti-rom.  Ma qui, in una maggior frammentazione del panorama politico, si aggiunge anche la presenza di partiti, già al governo, oggi notevolmente screditati per tanti episodi recenti di corruzione: ODS

Continua a leggere

Legge elettorale e governabilità: le anomalie italiane

La commissione dei “saggi” nominata dal Presidente Napolitano per superare la crisi istituzionale ha affrontato il nodo della modifica della legge elettorale.  Vi è un sostanziale accordo per rimediare a un’evidente anomalia italiana, rispetto alle istituzioni delle democrazie europee nel loro complesso: il bicameralismo perfetto.  La trasformazione dell’attuale senato in “senato delle regioni”, i cui membri sono esponenti dei governi e dei parlamenti regionali, farebbe dipendere l’investitura di un nuovo governo dai risultati elettorali e dalla composizione di una sola camera, come avviene in genere in Europa.  Un motivo alla base dell’odierna ingovernabilità del paese verrebbe così rimosso.

Dell’attuale legge elettorale, tuttavia, i saggi tenderebbero a conservare (per la camera) l’idea del premio di maggioranza, quale espressione di un “principio di governabilità”.  Certo, data l’attuale, prolungata e rischiosa situazione di stallo, può essere sensato auspicare che il principio venga messo in atto.  Ma così facendo i saggi, e forse presto il parlamento stesso, si trovano di fronte a una situazione critica non infrequente in politica: una scelta non fra un bene e un male, ma una scelta del male minore fra due mali (o, in versione più ottimistica, la scelta del bene maggiore fra due beni).  Perché, astrattamente preso, il premio di maggioranza è un male o, almeno, non è affatto un bene.

leggi elettorali

Una cosa è evidente: in nessuno dei principali paesi europei esiste una legge elettorale che garantisca la governabilità diretta da parte del partito o della coalizione di maggioranza relativa.  Le leggi elettorali in genere contrastano la frammentazione e favoriscono la governabilità, ma non la impongono direttamente.  Un premio di maggioranza comparabile a quello italiano esiste oggi solo in Grecia, ma con una forma ben delimitata: 50 seggi.  E infatti, nella generale dispersione di voti che ha caratterizzato le ultime elezioni greche, questo premio di maggioranza non ha consentito al partito vincente, Nea Dimokratia, di governare da solo.  Ha dovuto anch’esso stringere una coalizione con altre forze politiche: PASOK e DIMAR.

greece-decision-june-2012

Il premio di maggioranza attualmente previsto per la camera in Italia, invece, non è soggetto ad alcuna delimitazione.  Il risultato è che, in una situazione di notevole frammentazione (come è l’attuale) basta che una coalizione ottenga un 25-30 per cento dei voti (persino con un solo voto di vantaggio) per ottenere il 55 per cento dei seggi parlamentari.  Questo non solo è una misura punitiva nei confronti dei perdenti, che si vedono sottorappresentati.  Espone anche a un forte rischio il partito chiamato a governare, che si trova alla guida del paese avendo contro (o comunque non a favore) la maggioranza dell’opinione pubblica.

Il problema è che una tale anomalia italiana oggi rischia di essere il male minore rispetto ad un’altra, più grave anomalia della politica italiana dei nostri giorni: l’incapacità di trovare un minimo consenso sui valori che dovrebbero reggere il bene comune, sulle regole condivise che dovrebbero rendere feconda la competizione politica.  Peggio ancora, come nota Continua a leggere