Europa 2013: la difficile arte delle coalizioni

Agli inizi dell’autunno del 2013 si sono svolte, quasi in simultanea, le elezioni in tre paesi dell’Europa Centrale: Germania, Austria, Repubblica Ceca.  Anche se i sistemi dei partiti nei paesi in questione sono diversi, gli andamenti post-elettorali si sono rivelati convergenti.  Sono seguiti mesi di laboriose trattative, e alla fine sono sorti governi di “grande coalizione”: coalizioni che mettono insieme partiti astrattamente collocati in luoghi distanti dello schieramento politico e che per aver successo devono praticare saggiamente la difficile arte della negoziazione. Soprattutto in Germania e in Austria questa non è una novità: la grande coalizione è anzi percepita come condizione possibile e normale del corretto funzionamento democratico del paese.  Ma se pensiamo anche alle “grandi coalizioni” che reggono attualmente Olanda, Belgio, Finlandia, Grecia ci rendiamo conto che lo stretto bipolarismo oggi non è così prevalente nei sistemi politici europei come lo era in un passato anche recente.  Al contrario questi mostrano una varietà di comportamenti che inizia a riflettere l’incremento delle variabili nei panorami sociali e culturali del nostro continente: una certa frammentazione dell’opinione pubblica e, insieme, l’emergenza di nuove opposizioni non più riconducibili a quella tradizionale fra sinistra e destra (che pure mantiene il suo significato).

merkel-gabriel

Per varare il governo tedesco ci sono voluti quasi tre mesi.  Ma il tempo trascorso è stato politicamente rilevante, giacché la SPD (uscita numericamente debole dai risultati elettorali) l’ha utilizzato per riequilibrare la sua immagine pubblica nei confronti della CDU/CSU che nel voto del 22 settembre aveva persino sfiorato la maggioranza assoluta dei seggi del Parlamento.   Così la SPD ha ripreso a sua volta l’iniziativa: incalzando gli altri partiti nell’agenda degli accordi sui contenuti politici e soprattutto sottoponendo all’approvazione dei propri iscritti la scelta dei vertici a favore della “Grande Coalizione”.  La mossa è stata rischiosa, ma ha pagato: il suo proponente, il presidente della SPD Sigmar Gabriel, è stato così ampiamente legittimato nel suo ruolo strategico di Vicecancelliere e di Ministro dell’Economia, con una delega aggiuntiva per la delicata questione della svolta energetica.  E, in taluni momenti, la CDU è apparsa sulla difensiva.                                                                                                                                 In Germania il partito antieuro dell’AfD non è entrato in parlamento, e non possiamo parlare di coalizione imposta dalla marea montante dei neo-nazionalismi.  Diversa la situazione in Austria dove al nazionalismo e il populismo, con venature di estrema destra, della FPO – già consolidato dal tempo di Jörg Haider, dopo il 1986 – si è aggiunto anche il (moderato) successo della tecnocrazia anti-euro del miliardario Frank Stronach.

Stronach Strache

Con circa il 23% dei voti indirizzati verso movimenti euroscettici, si è imposta la prosecuzione della coalizione già al governo prima delle elezioni: socialdemocratici (SPO) e popolari (OVP). Notiamo però che nelle elezioni di ottobre la percentuale complessiva dei consensi dei due partiti, sommati insieme, è calato di più del 4 per cento.  E’ un segno indicativo della difficoltà delle “grandi”  coalizioni nei momenti di crisi, che lasciano uno spazio crescente a forze definibili, in un modo o nell’altro, come “anti-sistema”.  Gli odierni sondaggi che riguardano le prossime elezioni olandese e belga prospettano scenari simili anche per questi paesi.                                                                                                      Partiti che possono essere considerati antisistema ne esistono anche nella Repubblica Ceca: i comunisti, ancora in parte legati al passato del “socialismo reale”, e l’estrema destra di Tomio Okamura, anti-UE e soprattutto anti-rom.  Ma qui, in una maggior frammentazione del panorama politico, si aggiunge anche la presenza di partiti, già al governo, oggi notevolmente screditati per tanti episodi recenti di corruzione: ODS

Continua a leggere

Sul futuro dei partiti e della democrazia parlamentare

Una parte considerevole dei rappresentanti del PD – lo sappiamo – non hanno seguito le scelte ufficiali del partito per le elezioni del Presidente della Repubblica.  In quegli stessi giorni, negli Stati Uniti l’opposizione di alcuni senatori democratici ha fatto fallire un progetto di legge, peraltro moderato e di compromesso, che avrebbe segnato un primo passo in avanti nella questione del momento: la necessità di un controllo sullo sfrenato mercato delle armi.  Eppure questa legge era vitale per il programma di Obama.  E infatti il presidente americano, promettendo di voler continuare nella sua lotta, non ha esitato a indicare l’evento come una pagina nerissima della vita politica americana.  A tal punto l’interesse di parte, nella fattispecie l’influenza della National Rifle Association, l‘associazione che sostiene la produzione e la detenzione privata delle armi, può prevalere sul bene comune e ostacolare la sicurezza dei cittadini. 

ObamaNella storia politica americana le scelte dissonanti di deputati e senatori rispetto alle indicazioni ufficiali sono frequenti: è una conseguenza della struttura stessa dello stato federale, di una società molto diversificata se non polverizzata, dei legami stretti che intercorrono fra ogni deputato e senatore e i suoi finanziatori specifici: il sistema delle lobbies opera alla luce del sole ed è assai influente.  Proprio per questo, nel sistema statunitense, il Presidente gioca un ruolo coesivo, di equilibrio e di indirizzo che in Europa non ha eguali (nemmeno nel “semipresidenzialismo” alla francese).

E’ probabile che la minore coesione interna dei partiti stia divenendo un problema strutturale con cui dover fare i conti, in Italia come in altre società nazionali.  Può darsi che le caratteristiche imputate al PD nella sua stessa origine – una giustapposizione, considerata frettolosa, fra gruppi eterogenei – siano un prezzo da pagare per fuoriuscire definitivamente dalla visione del partito quale eccessivamente ideologico, monolitico, ispiratore persino di uno stile di vita.  Certo, il prezzo non può essere troppo grande: non può condurre né allo sgretolamento dei partiti né tantomeno alla paralisi della vita politica nazionale.

Elezione-presidente-della-Repubblica-18-Aprile-2013Ogni partito ha il diritto di regolarsi come meglio crede, per quanto riguarda la sua disciplina interna.  Ma la domanda è se siano possibili mosse istituzionali per rendere più fluida una situazione oggi caratterizzata da un’accresciuta “geometria variabile” rispetto alle decisioni politiche.  La prima osservazione da fare, allora, è che il sistema istituzionale italiano non ha previsto la possibilità di un governo di minoranza, che in altri paesi di comprovata democrazia è una pratica anche abbastanza corrente. Una tale possibilità è prevista persino dalla costituzione tedesca, a determinati limiti e condizioni: in Germania questa è un’eventualità che fino ad ora non si è mai verificata, almeno a livello nazionale, ma che tuttavia può essere ipoteticamente prospettata.  Un governo di minoranza in linea di massima non può essere la soluzione migliore e più stabile: ma l’inserimento di una sua possibilità nei meccanismi istituzionali italiani potrebbe aumentare i gradi di libertà del sistema, cosa di cui oggi sentiamo fortemente il bisogno.                                                                                                      D’altra parte, appare crescere anche la necessità di un legame più stretto e diretto con le

Continua a leggere