Sochi, Olimpiadi di frontiera. I circassi tra gli imperi

Tevfik Esenç, vissuto in Turchia fra il 1904 e il 1992, è una figura nota agli studiosi impegnati a denunciare e a contrastare la rapida estinzione delle lingue minoritarie, con una grave riduzione della diversità culturale umana, che oggi sta avendo luogo in tutto il pianeta.  Esenç era l’ultima persona in grado di parlare la sua lingua madre: l’ubykh.  Fortunatamente, egli incontrò uno dei più grandi linguisti e studiosi di mitologia del novecento, il francese Georges Dumézil.  Con lui, strinse un vivace sodalizio culturale e umano, da cui è derivata una copiosa testimonianza sulla lingua, la mitologia e la cultura di un popolo sull’orlo della definitiva scomparsa.  Una particolarità che rende l’ubykh una lingua quasi unica al mondo è il suo ricchissimo repertorio di suoni consonantici: ben 84. Altrettanto interessanti sono le sue relazioni con le altre lingue.  Appartiene infatti alla famiglia linguistica delle lingue caucasiche settentrionali (o lingue pontiche), che gli attuali studi sull’albero genealogico delle lingue umane hanno arditamente accostato da un lato al basco, e dall’altro alle lingue sino-tibetane (e quindi anche al cinese).                                                                                                                           Nel giorno dell’apertura delle Olimpiadi invernali, la storia del popolo ubykh acquista attualità per ragioni più immediate.  Perché la sua sede tradizionale era proprio Sochi, con la costa circostante.  Da lì gli ubykh furono improvvisamente scacciati nella seconda metà dell’ottocento, in uno dei tanti episodi di pulizia etnica imposta dai vincitori del momento, di cui è piena l’intera storia dell’Europa orientale e centro-orientale degli ultimi due secoli.                                                                                                      circassi                     Gli ubykh sono (erano) uno delle etnie  componenti del popolo storico dei circassi, insieme agli adyghè e ai cabardini. Da tempi remoti queste etnie erano insediate nelle regioni attorno a Sochi: il litorale nord-orientale del Mar Nero e le montagne interne del Caucaso settentrionale.  Cristianizzati nei primi secoli della nostra era, i circassi divennero islamici al tempo dell’espansione dell’Impero Ottomano (dopo la conquista di Costantinopoli nel 1453).  Gli ottomani si dedicarono assiduamente al controllo del Mar Nero, sbocco fin da tempi remoti di importanti itinerari commerciali del continente eurasiatico.  Così, dal cinquecento al settecento, il Mar Nero divenne un grande “lago ottomano”: le sue coste erano annesse direttamente all’impero oppure in possesso di stati vassalli (come il khanato di Crimea).                                                                             I russi iniziarono ad affacciarsi nella regione dei circassi nella seconda metà del settecento, in seguito al conflitto plurisecolare che li oppose all’Impero Ottomano.  Questo è uno degli episodi più importanti di quel lungo processo di espansione che ha reso la Russia uno degli assoluti protagonisti dell’età moderna e contemporanea.  Un enorme problema geopolitico della Russia è sempre stato la lontananza del cuore dell’Impero dai mari e degli oceani, e con ciò dagli itinerari commerciali e militari marittimi, ancor più rilevanti dopo la svolta del 1492.  Questa è una delle motivazioni che spinse Pietro il Grande a fondare una nuova capitale, San Pietroburgo, sulle coste del Mar Baltico.  Ma il Baltico rimaneva un mare chiuso (e passibile di un blocco navale allo stretto fra Danimarca e Svezia) e lontano dalle reti di navigazione globale dei grandi imperi del tempo.

Black Sea

Nella seconda metà del settecento l’inizio del declino ottomano apre alla Russia opportunità impreviste.  Il controllo del Mar Nero diventa un obiettivo praticabile, e sembra prospettare un progetto ben più ambizioso: il ripristino dell’impero cristiano a Costantinopoli.  Già all’indomani del 1453 la Russia amava considerarsi legittima erede dell’impero bizantino, e ora non nascondeva la sua ambizione di affacciarsi sul Mediterraneo, in seguito al possesso del Bosforo e dei Dardanelli.  L’obiettivo ultimo si sarebbe rivelato irraggiungibile.  Però le coste settentrionali del Mar Nero si aprirono rapidamente al dominio dell’Impero russo: al tempo di Caterina II, fra il 1774 e il 1783, la Russia sostituì l’Impero ottomano come potenza dominante in Crimea, nel Mare di Azov e in tutta la costa dell’odierna Ucraina.  Dopo un tale successo, l’attenzione della potenza zarista si rivolse a oriente delle sue prime conquiste, e le sue mete divennero  le coste orientali del Mar Nero, insieme alle pendici e alle montagne del Caucaso.

nazione circassaIl territorio dei circassi fu investito in pieno dalla nuova ondata espansionistica russa.  Le prime annessioni coinvolsero la parte orientale della regione, nelle zone montuose abitate dai cabardini.  Dopo anni di fiera resistenza, i focolai di ribellione furono domati nel 1822.  Nel 1829 i russi riuscirono ad eliminare gli ottomani dalle coste circasse ancora in loro possesso e, fra l’altro, dal litorale di Sochi.  Tuttavia il retroterra, di non facile controllabilità, non si piegò ai nuovi dominatori: anzi, i circassi e i loro alleati effettuarono ripetuti attacchi agli avamposti che la Russia aveva costituito lungo il Mar Nero.  La guerra durò fino al 1864, parte integrante di uno scontro generale che oppose la Russia a tutti i popoli del Caucaso interno.  E questo, a sua volta, è un episodio rilevante di una “guerra fredda” che segnò l’Eurasia intera nel diciannovesimo secolo: il “grande gioco” tra Russia e Gran Bretagna per il controllo dell’Asia Centrale e Meridionale.  Anche se il fronte principale di questo conflitto era altrove, fra Afghanistan e Pakistan, il Caucaso fu un fronte per nulla marginale.  I britannici diedero vari aiuti materiali ai  ribelli caucasici (circassi compresi), e talvolta una vera e propria guerra tra le due grandi potenze mondiali fu evitata di un soffio.                           Alla fine del lungo conflitto, i russi furono impietosi con i vinti.  A interi gruppi dei popoli conquistati fu posta l’amara alternativa di venir esiliati in remote regioni dell’Impero russo oppure di trovare una nuova patria nell’Impero ottomano, quale sede naturale delle etnie di religione islamica.  La grande maggioranza delle persone coinvolte scelsero di affrontare Continua a leggere

La società aperta e creativa, contro le bombe di Boston

E’ davvero possibile che i due attentatori ceceni di Boston abbiano agito da soli.  Ma il loro attentato è conforme a una tendenza tipica dell’estremismo jihadista nell’età posteriore all’11 settembre 2001: mira a colpire non le istituzioni del potere, bensì la vita quotidiana dei cittadini, proprio come nel caso dei treni e degli autobus di Madrid e di Londra.  Il terrorismo ha certo prodotto un’incertezza di più nella società occidentale.  Ma in questi dieci anni essa è stata più marginale di quanto si potesse pensare.  La voglia di vivere insieme ha superato la paura.  Negli anni dopo il 2001 le feste di strada a New York si sono moltiplicate.  E le maratone cittadine, nonostante tutti i problemi di sicurezza, vanno avanti.  A Londra, nei giorni successivi, si è corso regolarmente.

Boston-Marathon

Il valore simbolico dell’attacco alla maratona di Boston è stato rilevante.  Ha colpito insieme due aspetti irrinunciabili della vita quotidiana nella nostra terra patria: lo sport e la città. Questi sono elementi coesivi del nostro essere sociale, catalizzatori della comunicazione fra gli individui e fra le collettività, veicoli decisivi della creatività umana. La portata dello sport quale linguaggio comune del nostro mondo globalizzato è a tutt’oggi sottovalutata.  Eppure è un’attività umana condivisa, in molti modi, da miliardi di persone in tutto il globo che si basa sulla libera accettazione di regole comuni, indipendenti da fatti di etnia, nazione o classe.  Certo, come nelle pratiche di doping, vi è un’aspirazione ricorrente a infrangere le regole.  Ma quando l’infrazione viene scoperta, nessuno si mette a sostenere che le regole siano ingiuste e da annullare.

maratona londra

Nella gamma delle specialità sportive, le maratone sono particolari, al pari delle corse ciclistiche.  Mentre la maggioranza delle competizioni ha luogo in sedi dedicate allo scopo e perciò ritualizzate (stadi, palazzetti, piscine), maratone e corse ciclistiche si disperdono nel territorio e moltiplicano gli spettatori.  Non a caso, anche gli organizzatori delle Olimpiadi di Londra nel 2012 hanno ben compreso questa funzione delle maratone e hanno per esse realizzato un percorso molto avvolgente all’interno della metropoli, che ha coinvolto entrambi i centri storici tradizionali della City e di Westminster.

A differenze della maratone olimpiche, le maratone cittadine come quella di Boston (e di tante altre grandi città del mondo) hanno però anche la caratteristica di intrecciare le competizioni degli atleti professionisti di livello mondiale e le sfide contro se stessi dei dilettanti di ogni età e di ogni professione, che si allenano intensamente per potere prendere parte a queste feste comuni dove, in definitiva, tutti vincono e nessuno perde.  Sta qui il nesso inscindibile fra le maratone e le identità delle stesse città moderne.

Continua a leggere

L’orgoglio del Galles

Il mese di marzo 2013 resterà indimenticabile non solo per gli sportivi del Galles, ma anche per tutti i suoi cittadini.  La squadra gallese di rugby ha vinto il tradizionale torneo delle sei nazioni in un modo che ha riempito chiunque di entusiasmo.  Nell’incontro conclusivo ha travolto gli eterni rivali inglesi, ai quali sarebbe bastata una sconfitta di misura per aggiudicarsi l’ambito trofeo.  E invece i gallesi hanno vinto con un punteggio schiacciante, 30-3: il record assoluto di distacco da parte gallese negli incontri fra le due nazioni. Non solo: con la vittoria di quest’anno il Galles ha raggiunto gli stessi inglesi a quota 26 nelle vittorie complessive nel torneo che, con varie denominazioni e partecipazioni, risale al 1883.  Anche ai campionati mondiali il Galles è una delle grandi potenze del rugby, avendo raggiunto un terzo (1987) e un quarto posto (2011).

wales-flag

Come è noto, vi è un altro sport di squadra nel quale il Galles presenta una propria rappresentativa alle grandi competizioni internazionali, ed è il calcio.  Il Galles è arrivato una sola volta alle fasi del campionato del mondo di calcio, in Svezia nel 1958.  Per il football gallese questa resta l’ora più bella.  La squadra finì il girone eliminatorio imbattuta, pareggiando con i padroni di casa della Svezia, con il Messico e con l’Ungheria: anche se questa, dopo il 1956, non era più la squadra mirabile di qualche anno prima, rimaneva comunque assai forte.  Per il regolamento allora vigente, il Galles dovette affrontare uno spareggio ancora con l’Ungheria, e lo vinse 2-1.  Poi, nei quarti di finale, si arrese al Brasile avviato a vincere il titolo mondiale, ma solo per 1-0.  L’incontro è storico perché allora Pelé, che aveva solo diciassette anni, segnò il suo primo gol ai campionati del mondo.

Ryan-Giggs-Di quella squadra, l’esponente più famoso era John Charles, notissimo in Italia per aver vinto tre scudetti ed essere stato capocannoniere di una delle più forti Juventus di tutti i tempi (fra il 1957 e il 1962).  Ma dei calciatori gallesi quello che ha battuto più record, e non solo di popolarità, è Ryan Giggs.  Nella sua ormai lunghissima carriera nel Manchester United, iniziata nel 1991, Giggs è diventato il giocatore che ha acquisito il maggior numero di titoli nel campionato inglese di tutti i tempi: 12 scudetti, 4 coppe di Inghilterra, 3 coppe di lega, 2 Champions Leagues.  Con ogni probabilità, dato il notevole vantaggio del Manchester United, quest’anno Giggs (a 39 anni) conquisterà il suo 22° titolo in assoluto (13° scudetto).  Un altro aspetto significativo della carriera di Giggs è che, fino ad oggi, egli ha segnato almeno un gol nel campionato inglese di prima divisione per 23 stagioni consecutive!

Un’altra pagina leggendaria dello sport gallese fu scritta una giornata piovosa alle Olimpiadi di Tokyo dell’ottobre 1964.  Allora, nel salto in lungo, il gallese Lynn Davies vinse la medaglia d’oro con un salto di 8,07, battendo i favoritissimi dell’epoca, lo statunitense Boston e il sovietico Ter-Ovanesian.  Era la prima medaglia d’oro individuale di un gallese alle Olimpiadi. Ma fu tutto il Regno Unito a festeggiare dato che, come è noto, gli atleti gallesi si presentano alle Olimpiadi nella selezione britannica.

 

Augusto Midana, ti vogliamo ancora

Alle olimpiadi di Londra si sono disputate 18 gare di lotta: 7 hanno riguardato le categorie di peso della lotta libera; 7 le categorie di peso della lotta greco-romana; 4 le categorie femminili (solo lotta libera).  In tutto sono state assegnate 72 medaglie: la lotta, come gli sport di combattimento in genere (pugilato, judo, taekwondo), assegna alle Olimpiadi due medaglie di bronzo per competizione.

Augusto Midana

La distribuzione delle medaglie per nazione per nazione è stata la seguente: Russia 4/2/5; Giappone 4/0/2; Iran 3/1/2; Azerbaigian 2/2/3; USA 2/0/2; Cuba 1/0/1; Uzbekistan e Corea del Sud 1/0/0; Georgia 0/3/3; Ungheria 0/1/2; Armenia, Canada e India 0/1/1; Bulgaria, Cina, Egitto, Estonia, Portorico e Ucraina 0/1/0; Kazakhstan 0/0/3; Svezia 0/0/2; Colombia, Francia, Lituania, Mongolia, Corea del Nord, Polonia, Spagna e Turchia 0/0/1.

La geopolitica della lotta, Stati Uniti a parte, è centrata sull’Eurasia centrale in senso ampio.  Notiamo anche la presenza, nel medagliere di Londra, di stati importanti come India, Egitto e Turchia: anche qui la lotta costituisce uno degli sport più importanti.  La Turchia a Londra non è andata particolarmente bene, ma dobbiamo ricordare il trionfo dei lottatori turchi a Roma 1960: 7 medaglie d’oro e 2 d’argento.

Negli ultimi anni, alle Olimpiadi vi è stata l’introduzione di sport assai popolari soprattutto Continua a leggere

Salviamo la lotta alle Olimpiadi

Il calore e l’autorevolezza delle voci contrarie all’eliminazione della lotta dal programma olimpico mostra quanto sia difficile, e nel contempo necessario, coniugare universalità e governabilità.  Molti stati, in cui la lotta è sport nazionale, si sono sentiti oltraggiati.  E si è formata un’alleanza molto particolare e molto trasversale, che comprende l’Iran, Putin e alcuni big di Wall Street.

Save-Olympic-Wrestling

Ma il messaggio di queste voci in coro non finisce qui.  Ha un significato che va al di là dello stesso sport.  E’ un monito a non sacrificare la tradizione in nome dell’innovazione, di per sé legittima e auspicabile.  Tradizione e innovazione contrapposte sono parole d’ordine monche e talvolta persino dannose: in qualunque istituzione sana si devono alimentare vicendevolmente.

Un movimento olimpico che trascura le sue radici, che dimentica come la lotta sia stata uno dei pochi sport presenti in tutti le Olimpiadi moderne e che per di più sia stata la gara conclusiva del pentatlon nelle Olimpiadi antiche, non va da nessuna parte.  Rischia semplicemente di farsi essere additato quale ostaggio, non si sa quanto consapevole, di una  spettacolarità e di un mercantilismo fini a se stessi.   

 

Caro Pietro Mennea, la storia ti accoglie

Pietro Mennea è un protagonista assoluto della storia dello sport italiano e mondiale.  E’ un simbolo di quell’età in cui l’atletica non era più soltanto “la regina dello sport”, circondata dal rispetto unanime, ma era già diventata anche uno sport di massa, capace di parlare al cuore di milioni e milioni di persone e scosso da un difficile adattamento alle nuove realtà del professionismo.  Un sottile filo rosso unisce Pietro Mennea agli eroi dei nostri giorni: Usain Bolt e Mo Farah.

Mennea-Borzov

Mennea entra sulla scena atletica internazionale a 19 anni, nel 1971, quando arriva sesto nei 200 m. agli Europei di Helsinki.  L’anno dopo si apre con il duello storico, all’Arena di Milano, fra Mennea e l’astro del momento, l’ucraino Valery Borzov: su 100 m. 10″0 per entrambi, e Mennea cede solo di un soffio.  Alle Olimpiadi di Monaco si presenta nei 200 m. fra i favoriti, accreditato di un 20″2 (primato europeo eguagliato), fatto sempre a Milano in quella storica “due giorni”.  A Monaco è all’altezza: giunge terzo in finale, e il vincitore è ancora Valery Borzov.

L’”estate ruggente” del 1972 di Pietro Mennea è parallela all’”estate ruggente” del 1960 di un altro grande dell’atletica italiana, Livio Berruti: questi aveva ventun anni quando salì sul gradino più alto del podio dei 200 m. alle Olimpiadi di Roma.  Anche Mennea conquista il titolo olimpico sui 200 m., ma percorrendo strade diverse.  Vi arriva dopo nove intense stagioni di gare (1972-80) combattute in prima linea, cosparse anche di controversie e di difficoltà, ma sempre vissute in una ricchezza, in una pienezza e in una continuità di risultati impareggiabili.  E qui si stagliano i due titoli europei, 100 m. e 200 m., conquistati a Praga nel 1978, che seguono il titolo europeo sui 200 m. a Roma nel 1974.

MenneaA Mosca 1980 Mennea vi giunge fresco del primato mondiale sui 200 m. stabilito l’anno prima in altura, a Città del Messico: il mitico 19″72 che resiste ancora come primato europeo.  Ma trova un degno rivale nello scozzese Allan Wells.  Una tipica sceneggiatura di morte e di rinascita segna le vicende di Mosca: una clamorosa eliminazione in semifinale nei 100 m., vinti poi da Wells; il conforto dell’avversario storico Borzov; una brutta partenza in finale nei 200 m.; una palpitante rimonta; la vittoria sul filo di lana (20″19 Mennea e 20″21 Wells).

Un po’ di amaro in bocca lo lascia l’assenza alle Olimpiadi degli americani, per il famoso boicottaggio.  Ma Mennea in quel momento è il più forte, come dimostrano le sue vittorie nelle sfide dirette in tanti meeting.  E, soprattutto, quell’anno stesso, ribadisce il risultato cronometrico di Città del Messico con un 19″96 a livello del mare, fatto nella sua stessa città natale: a Barletta.  Nel 1980 Mennea stabilisce un’altro primato mondiale, anche se ufficioso, quella della continuità.  E quello che gli attribuisce l’autorevolezza di Roberto Quercetani su La Gazzetta dello sport: nelle 8 gare post-olimpiche sui 200 m. che Mennea fece un po’ in tutto il mondo, egli ottenne un risultato medio di 20″07! Continua a leggere