Joachim Gauck a Oradour sur Glane: per il mondo e per l’Europa

Il presidente tedesco Joachim Gauck sta compiendo, nell’Europa del 2013, un intenso viaggio nella memoria e nella riconciliazione.  Dopo l’abbraccio con il presidente italiano, Giorgio Napolitano, nella città martire di Sant’Anna di Stazzema, è stata la volta dell’incontro con il presidente francese, François Hollande, nella città martire di Oradour sur Glane.  Non è la ragion di stato la principale motivazione di Gauck: da allievo spirituale di uno dei più lucidi critici e martiri del nazismo, Dietrich Bönhoffer, il presidente tedesco è spinto soprattutto dalla volontà di gridare un deciso “mai più” che trascenda i confini dei popoli e delle religioni.  E tuttavia la sua presenza e le sue iniziative rendono un inestimabile servizio alla ragion di stato: non solo e non tanto a quella della Germania federale, quanto alla ragion di stato europea.  I gesti e le parole di Gauck ci ricordano come la nostra Europa sia nata all’indomani della seconda guerra mondiale per dire “mai più” alle barbarie totalitarie.  E ancor oggi, se vuole avere un futuro, l’Europa non può ridursi a un puro mercato economico o a un superstato burocratizzato e chiuso al mondo da confini rigidi e sorvegliati.  L’Europa o sarà una comunità di destino alimentata da valori che prospettino un’umanità più civile di quella ancor oggi dilaniata dai più svariati conflitti e rappresaglie locali, oppure non sarà.

Oradour

I crimini di guerra compiuti contro le popolazioni civili sono tutti efferati.  Ma certo le stragi di civili compiute dai nazisti in ritirata in molte aree d’Europa, dal 1943 al 1945, sono ai nostri occhi pagine particolarmente dolorose per la loro insensatezza.  Non hanno nessun significato militare, e sono il segno dell’accanimento di chi si rifiuta di riconoscere la fine di un folle sogno di dominazione.  Spesso, come appunto a Oradour, i soldati nazisti cercarono di proteggersi dietro a una motivazione preventiva e proprio per questo ancora più aberrante: terrorizzare per scoraggiare il possibile sorgere di un movimento partigiano.  Ma anche nei casi di una presunta risposta ad atti insurrezionali, come nel caso dell’eccidio delle Fosse Ardeatine rivendicato quale reazione all’attentato di Via Rasella, l’enormità degli effetti umani è totalmente in dissonanza con le cause conclamate e deraglia persino dalla logica della guerra, per quanto dura e inflessibile questa sia.  Siamo dinanzi all’irruzione del male in forma pura e anche a tanti decenni di distanza, e dopo tanta meritoria letteratura, la nostra comprensione continua ad avvitarsi su se stessa e a riflettere sui suoi profondi limiti.        La cronaca di quanto avvenne il 10 giugno 1944 a Oradour sur Glane, piccolo centro rurale della Francia sud-occidentale fino ad allora lontano dalla storia (e in cui la Oradour-Sur-Glane-Francerecente occupazione tedesca stava passando inavvertita) ci presenta un crescendo veramente agghiacciante proprio perché nessun abitante del luogo aveva il minimo sentore di poter correre un qualche rischio (non diciamo: un rischio fatale).  Nel momento in cui le SS concentrano la popolazione, il pasticciere parla con tutta naturalezza della necessità che i propri dolci siano sottoposti a pronta cottura, convinto di vivere un controllo di routine.  E i pochi testimoni oculari che per singoli casi fortunati hanno potuto tramandare le vicende di quel giorno ci raccontano che l’inconsapevolezza è durata fino all’ultimo, fino alle raffiche degli assassini.                        La tragedia raggiunge il suo climax infernale all’interno della chiesa, dove erano state concentrate le donne con i bambini.  Qui la strage è completa, con una sola sopravvissuta.  Chi non è vittima dell’esplosione preparata viene finito con tutti i mezzi, anche con successive esplosioni di granate lanciate sul momento, che aggiungono fuoco al fuoco e fumo al fumo.                                                                                                                 Dinanzi alla prospettiva di una sconfitta senza remissione, negli anni dal 1943 al 1945 le armate naziste estendono ai territori e alle popolazioni dell’Europa occidentale la prospettiva di “guerra di annientamento” che già avevano praticato dopo il 1941 sul fronte orientale: le popolazioni civili vengono considerate senz’altro nemiche e dai vertici viene annullata la possibilità stessa di qualche misura protettiva, di qualche limite agli eccessi più efferati. Chi abusa e travalica non solo non viene punito, ma viene considerato un buon soldato.                                                                                                                                    Il potere risanatore del tempo oggi ci ha fatto quasi dimenticare quanto profondo sia stato l’abisso in cui è scivolato il nostro continente in quegli anni.  Perché la tentazione di rispondere ai genocidi, alla pulizie etniche, alle bestialità della guerra con la vendetta pura e semplice era forte, e l’Europa è stata sull’orlo di perdersi in un interminabile labirinto di rivendicazioni.  Nella primavera del 1945, i giorni della fine non sempre sono stati i giorni del nuovo inizio, i giorni della cessazione delle ostilità belliche non sempre sono stati i

Continua a leggere

La polverizzazione del jihad: UK in prima linea

La barbara uccisione del soldato inglese a Woolwich, cittadina della grande Londra, ha suscitato un’impressione duratura sull’opinione pubblica britannica e mondiale.  L’impatto è stato forse ancora più forte degli attentati con le bombe collocate sui mezzi di trasporto pubblico: a questa modalità terroristica in qualche modo ci si era assuefatti.  Il nuovo fatto di sangue, tuttavia, non fa che confermare le sensazioni già diffuse al momento dell’assalto alla maratona di Boston: oggi è molto difficile tracciare una linea netta di confine tra le operazioni militari condotte da gruppi vicino ad Al-Qaeda in Siria o in Mali e gli attentati “fai da te” che vengono progettati, e purtroppo anche messi in atto, in tutto l’occidente (che in questo caso comprende anche la Russia).  Talvolta i legami con i combattenti islamici sono diretti; talvolta gli attentatori agiscono sotto l’influenza di un predicatore d’odio che ha opera per espandere il fronte della violenza; talvolta si tratta di imitazione pura e semplice.  Ma in ogni caso menti e obiettivi dei fondamentalisti islamici sono molto simili, sia che combattano nei tanti fronti caldi dei conflitti aperti in Asia e in Africa, sia che operino negli scenari apparentemente pacifici delle città europee e nordamericane.

Anjem-Choudary1

Oggi ogni stato europeo possiede una piccola minoranza di suoi cittadini convertiti al fondamentalismo islamico con le più svariate motivazioni.  Tuttavia la condizione dei musulmani immigrati nei paesi europei è molto diversificata, e per combattere efficacemente il terrorismo bisogna sempre tener presente questa diversificazione.  In Germania, infatti, la maggioranza degli islamici è di origine turca o curda, relativamente aperta e tollerante, e talvolta perfino laica. Nei paesi mediterranei (Italia, Francia, Spagna), la maggioranza è di origine maghrebina, e quindi dagli orientamenti molteplici se non opposti, come mostrano le stesse vicende interne dei loro paesi di origine.  Invece nel Regno Unito buona parte dei musulmani è di origine nigeriana o pakistana: proviene da paesi in cui oggi l’integralismo è estremamente forte, e in cui gruppi integralisti si dedicano a condurre una loro personale guerra santa contro i cristiani o contro l’occidente.  La piaga dei predicatori d’odio nel Regno Unito sta diventando di massa.  Tristemente noto è l’avvocato di origine pakistana Anjem Choudary, che ha esaltato sia l’attacco alle torri gemelle dell’11 settembre 2011 sia il recente assassinio di Woolwich, e ha prospettato un’introduzione di una sua versione della legge islamica nel Regno Unito, di cui le prime vittime sarebbero i gay.  Dichiara esplicitamente la sua avversione alla democrazia, ai diritti umani, all’idea stessa di stato. Per di più, in quanto avvocato, costui sa districarsi molto bene nei meandri della legge per continuare ad esercitare la sua influenza distruttiva.

antifascismo

Le reazioni nel Regno Unito ai fatti di Woolwich sono state contrastanti ma nel complesso all’insegna di una certa maturità, e questo nonostante l’ascesa di una forza politica di destra (UKIP) che prende fortemente le distanze dalla prospettiva di una società multiculturale, nonché dei tentativi di strumentalizzazione da parte di forze parafasciste (come il BNP, British National Party).  Certo, non sono mancati assalti alle moschee e ai centri culturali islamici.  Ma il popolare sindaco di Londra Boris Johnson ha dato coraggio all’opinione pubblica indicando che la migliore risposta della società è quella di continuare a restare aderenti ai valori che informano una società aperta, come già al tempo degli attentati.  E intanto hanno avuto successo le manifestazioni del gruppo di pressione Unite Against Fascism, che ha il supporto delle forze politiche tradizionali e anche del primo ministro David Cameron.                           Però il problema di una radicalizzazione della gioventù islamica sul suolo inglese rimane pressante.  Anche se si sono riconosciute grosse carenze nella sorveglianza di taluni gruppi e ambienti potenzialmente pericolosi, il processo alle intenzioni resta pur sempre difficile.  E  sul piano legale non è agevole pensare a leggi speciali che non rischino di limitare una tradizionale libertà di pensiero e di espressione di una compiuta democrazia moderna.  Potrebbero persino apparire una capitolazione al nemico.                         Proprio per questo sono significativi gli sviluppi di un movimento antiintegralista (“controestremista”, come si definisce) nella stessa società islamica inglese: la Quilliam foundation, che si è dato come compito quello di combattere l’appiattimento dell’islam sul fondamentalismo e di sposare le cause del pluralismo, della modernizzazione culturale e della democrazia.  Il fatto più interessante è che i suoi condirettori, Maajid Nawaz ed Ed Husain provengono da esperienze di militanza in movimenti integralisti, il che dà loro una

Continua a leggere

17 giugno 1953: la rivoluzione dei senza nome

La conclusione della seconda guerra mondiale e il crollo del regime nazista regalarono all’Unione Sovietica una posizione strategica di grande vantaggio, certamente imprevedibile solo pochi anni prima.  Stalin aveva coronato la marcia verso occidente iniziata da Pietro il Grande:  la Russia era diventata una potenza europea a pieno titolo, ed anzi teneva saldamente in pugno il cuore del vecchio continente.  Winston Churchill percepì lucidamente che una “cortina di ferro” stava dividendo l’Europa in due,  e la consapevolezza della gravità della situazione spinse gli alleati occidentali a resistere a tutti i costi ove i giochi non fossero ancora compiuti: a Berlino, a Vienna, a Trieste.                                           Sin dagli inizi, la scelta sovietica era chiara: al pari dell’impero interno, anche questo nuovo “impero esterno” sarebbe stato tenuto insieme con la forza, non col consenso.  Mai si tentò seriamente di ottenere un appoggio di quel popolo in nome del quale pure si pretendeva di governare.  E mai le “democrazie popolari” di nome lo furono di fatto: nei loro confronti i lavoratori mostrarono spesso opportunismo, ma mai una convinta adesione. 

16 giugnoCome è noto i paesi dell’Europa centro-orientale che entrarono a far parte del blocco sovietico furono rigidamente normalizzati e omologati, già nel periodo fra il 1945 e il 1950.  E questo non significava solo il completo smontaggio delle istituzioni democratiche e la perdita delle libertà civili, ma anche l’adozione incondizionata del modello di sviluppo sovietico: statalizzazione e collettivizzazione generalizzate, attacco alla proprietà privata, privilegio assoluto all’industria pesante e a quella degli armamenti.  Questo ebbe la conseguenza, certamente non auspicata, che i paesi dell’”impero esterno” divennero da subito un peso, piuttosto che una risorsa, per l’Unione Sovietica.  Le imposizioni economiche portarono infatti a crisi endemiche, e il conseguentemente dissanguamento dell’Unione Sovietica che cercava di sanarle con interventi episodici piuttosto che strutturali.  Nello stesso tempo, soprattutto in età staliniana, il terrore e la repressione aumentarono la passività e la diffidenza dei cittadini, creando un clima esattamente contrario all’impegno e allo spirito di collaborazione attraverso il quale, nei vuoti slogan dei regimi, si sarebbe dovuto procedere all’edificazione del socialismo.

17 giugno

La vicenda della DDR, o Germania Orientale che dir si voglia, è esemplare al proposito, anche se complicata dalla difficoltà identitaria del nuovo stato.  Evidentemente esso non si poteva basare su una nazione distinta da quella dell’”altra” Germania e i suoi governanti dovevano fare costantemente i conti con la storia passata e con le prospettive di un’eventuale riunificazione.  Ma le misure economiche furono comunque, come altrove, subitanee, drastiche e improvvide.  La goccia che fece traboccare il vaso fu una stretta sulle “norme del lavoro”.  La rigida pianificazione centralizzata imponeva una quantificazione della produttività dei lavoratori, per verificare il raggiungimento degli obiettivi prefissati.  Ora le esigenze produttive sarebbero state aumentate del 10 per cento, il che equivaleva direttamente a una contrazione dei salari in una situazione per altro già drammatica, con il paese vicino alla fame.  La via di uscita alla crisi economica veniva unilateralmente individuata nello sfruttamento di quelle classi popolari che nominalmente avrebbero dovuto dirigere il paese.                                                                                                            In maniera assai rapida, le manifestazioni spontanee che sorsero in tutto il paese fecero il passo decisivo: dall’economia alla politica.  Non si trattava solo di rivendicazioni economiche e salariali.  Si trattava anche e soprattutto di libere elezioni, della libertà di stampa e di opinione, del ristabilimento della democrazia.  La maturità dei lavoratori comprese che il regime doveva e poteva essere rifiutato in blocco, senza lasciargli Continua a leggere

Iran: le voci del popolo fra le crepe della teocrazia

Nessuno può definire l’Iran una democrazia, nemmeno adottando una definizione molto generosa: le offese ai diritti umani, le repressioni, gli arresti arbitrari sono costanti e negli ultimi tempi si sono persino intensificati.  Tuttavia in Iran hanno luogo elezioni dall’apparenza democratica: diversi candidati  si sfidano per ottenere un seggio parlamentare o, cosa ancora più importante, la carica di Presidente della Repubblica.  Sono elezioni a “sovranità limitata”, per un intreccio di motivi. Il primo è che sia il parlamento sia il Presidente della Repubblica hanno un potere decisionale subordinato a quello esercitato dalle vette della teocrazia islamica: la “Guida Suprema”, che è attualmente l’ayatollah Ali Khamenei, e il Consiglio dei Guardiani della Costituzione, composto da dodici membri nominati direttamente o indirettamente dalla Guida Suprema.  Il secondo è che lo stesso Consiglio dei Guardiani della Costituzione può rifiutare a suo arbitrio le candidature di persone giudicate non conformi ai valori della Repubblica islamica.  Così ogni competizione elettorale è pesantemente condizionata sin dai suoi primi passi.                                                             Nonostante queste strette maglie di controllo, il riformatore Mir-Hossein Mousavi aveva avuto un grande successo popolare nelle elezioni presidenziali del 2009.  Per sottrargli una vittoria che appariva a portata di mano, il regime ricorse allora  a brogli sistematici volti a favorire la conferma del presidente uscente Mahmoud Ahmadinejad.  Il popolo iraniano ha mostrato grande coraggio nel protestare e nel tentare di innescare una “rivoluzione verde”, che è stata pesantemente stroncata.  Lo stesso Mousavi è a tutt’oggi agli arresti domiciliari.

iran 2009Così le elezioni presidenziali del 2013 si profilavano come un evento insignificante, facilmente controllabile da un regime indurito e repressivo.  E invece le sorprese si sono susseguite.  La prima è stata il fallimento della “strategia Putin” che contava di seguire Ahmadinejad, il presidente uscente, per dare continuità al suo potere.  In Iran il Presidente della Repubblica non può ricoprire la carica per più di due mandati consecutivi.  Così Ahmadinejad ha favorito la candidatura di un suo caro amico, Esfandiar Mashaei, la quale è stata però rigettata dal severo Consiglio dei Guardiani della Costituzione.  Mashaei è un personaggio controverso, giudicato eretico dagli ayatollah per le sue affermazioni di carattere escatologico e millenaristico: egli sarebbe in contatto diretto con l’”Imam nascosto”, la figura chiave della teologia sciita che dovrebbe palesarsi alla fine dei tempi per instaurare il regno della giustizia.  Nello stesso tempo, la teocrazia islamica ha imputato sia a Mashaei sia allo stesso Ahmadinejad lo slittamento verso un nazionalismo iranico che occulterebbe i valori rigidamente religiosi su cui la teocrazia stessa è basata.  Il blocco di potere su cui si erano basate le elezioni presidenziali del 2009 è venuto meno.

hassan_rouhani

Altrettanto sorprendente è stato il rifiuto, da parte del Consiglio dei Guardiani della Costituzione, della candidatura di Akbar Hashemi Rafsanjani: il compagno della prima ora di Khomeini che già nel passato era stato due volte Presidente della Repubblica, il pragmatico dalla linea mediana che nel corso dei decenni del regime islamico ha accumulato un notevolissimo potere e una ricchezza ancora più notevole.  Egli non ha mai goduto di particolari simpatie popolari, e tuttavia nel 2009 si era schierato a fianco dei riformisti a guida della “rivoluzione verde”.  Khamenei ha forse esercitato una sorta di vendetta nei confronti di questo personaggio chiave, che a sua volta – insieme ai suoi figli altrettanto influenti – nella campagna elettorale ha appoggiato apertamente l’unica candidatura definibile come moderata o riformista: quella del religioso Hassan Rohani.

Hassan Rohani, come è noto, ha vinto al primo turno le elezioni, che hanno goduto di una partecipazione popolare elevata.  La sua fama di moderato e di riformista sembra toccare soprattutto la politica estera, e infatti le sue prime dichiarazioni dopo la vittoria sono state  Continua a leggere

1933: la diversità distrutta

Il 10 maggio 1933 gli attivisti nazisti si mobilitarono nelle città universitarie tedesche per distruggere le opere degli autori considerati nemici della loro visione del mondo e antitedeschi senza possibilità d’appello.  La manifestazione più coreografica ebbe luogo a Berlino, in Opernplatz (oggi Bebelplatz), ove furono bruciati circa 70.000 libri e pubblicazioni varie,  in precedenza inseriti nella lista dei testi proibiti.  Lo spettro degli autori condannati era molto vasto e vario: andava da Marx a Freud.                                                                                         Il rogo dei libri si colloca in un frangente strategico della rapidissima edificazione del sistema totalitario nazista, a cui bastarono meno di sei mesi per diventare pervasivo: dalla nomina alla cancelleria di Adolf Hitler, il 30 gennaio 1933, allo scioglimento forzato di tutti i partiti politici – eccetto naturalmente quello nazista nel luglio dello stesso anno.  Solo qualche giorno prima del rogo dei libri, il 2 maggio, vi era stato un attacco sistematico del nuovo sistema di potere nazista ai sindacati, che per un momento si erano illusi di trovare una qualche forma di compromesso col regime: le loro sedi furono devastate, e molti loro esponenti incarcerati. 

rogo dei libri 1933

In quegli stessi giorni, in Germania, iniziavano ad avvenire eventi ancora più gravi.  Si calcola che la prima ondata di repressione degli avversari politici, picchiati, uccisi a freddo, incarcerati e torturati ad arbitrio del potere repressivo abbia fatto 600 vittime.  Ma la parallela repressione culturale è stata altrettanto grave e di enorme valore simbolico.  La valutazione di chi era considerato nemico del popolo tedesco era la più estesa possibile e non si limitava ad autori di tendenze politiche di sinistra, o di origine ebraica.  Era un attacco senza quartiere a tutta alla modernità e a tutto il modernismo, di cui la Germania e l’Austria negli ultimi decenni erano state terreno di cultura quanto mai creativo e cosmopolita.  L’immagine dei valori del popolo tedesco che di contro veniva propugnata era monca, intollerante, regressiva, sostanzialmente inventata: in ogni caso le molteplici radici culturali della Germania erano fatte oggetto di una “pulizia etnica” distruttiva al massimo grado.                                  Rivolto al cittadino tedesco, questo messaggio culturale sfociava direttamente in un messaggio politico altrettanto violento.  Nel Volk tanto idolatrato dai nazisti non vi era spazio per la diversità e l’individualità.  Si prospettava un’omologazione coatta dei comportamenti e delle visioni del mondo: ogni deviazione sarebbe stata inflessibilmente repressa.

vielfaltPer riflettere a ottant’anni di distanza sul significato di questi eventi, oggi la città stato di Berlino ha promosso, per tutta la durata dell’anno, una serie di manifestazioni che toccano i diversi aspetti del cruciale 1933.  Molte istituzioni hanno allestito mostre appositamente dedicate.  Ma l’iniziativa più visibile ha condotto alla presenza, in tutti gli spazi urbani, di grandi colonne rosse: ognuna di esse è dedicata a un cittadino berlinese che nel 1933 fu costretto a emigrare o, se rimasto all’interno della Germania, venne perseguitato dai nazisti con conseguenze assai varie: dalla disoccupazione alla morte.       Le colonne sono lì per ricordarci che prima che la follia nazista coinvolgesse l’intera Europa, con decine di milioni di morti, essa si diresse anzitutto contro cittadini tedeschi: perché ebrei, perché di opinioni politiche differenti, spesso semplicemente perché erano contrari alla montante violenza del regime o erano disgustati dalla sua arroganza e dalla sua rozzezza.  E sono lì per ricordarci che, oltre che la vita dei singoli cittadini, fu gravemente danneggiata anche l’identità stessa di un’intera nazione: nel decennio antecedente la Germania era all’avanguardia in tanti campi, scientifici, tecnologici, artistici (basti pensare al cinema), e ora stava precipitando in un abisso oscuro dalle prospettive oscure.                                                                                                                                      I cittadini così ricordati sono noti e meno noti, di tante occupazioni e di tante classi sociali:  Continua a leggere

Rohingya: la minoranza più perseguitata al mondo

Il crepuscolo degli ordini totalitari spesso si accompagna a un’intensificazione di scontri e violenze a base etnica e nazionalista.  Un regime totalitario, infatti, non aspira a procedere a una conciliazione dei conflitti preesistenti, ma piuttosto li soffoca sotto la sua coltre o, peggio ancora, li utilizza per dividere a suo vantaggio la società e la nazione.  Così, quando la morsa si allenta, il fuoco sotto la cenere divampa ulteriormente.  A maggior ragione, la conflittualità si esaspera quando la transizione verso un nuovo regime provoca insicurezza economica e politica.  Le collettività e gli individui insicuri vanno allora facilmente in cerca di comodi capri espiatori.

Milosevic

Spesso è proprio l’élite dominante nell’antico ordine a giocare la carta del nazionalismo, per acquistare nuova legittimità agli occhi della popolazione.  Si alimentano conflitti endemici a base etnica o religiosa, o se ne inventano di nuovi.  Anche nella modernità l’individuazione di un capro espiatorio è una strategia abituale per compattare una comunità.  Anche l’Europa dei nostri giorni ha ben conosciuto questa strategia, praticata fra l’altro in modo esemplare da Slobodan Milosevic nel processo disgregativo della Iugoslavia alla fine degli anni ottanta e negli anni novanta.

Negli ultimi anni il Myanmar (Birmania) è coinvolto in un processo analogo.  Proprio mentre il governo sembra aver fatto importanti passi avanti verso la democratizzazione e il rispetto dei diritti umani, la scena è dominata – nell’Arakan, lo stato più occidentale del paese – da violenze e scontri tragici e ripetuti fra la maggioranza di religione buddhista e la minoranza musulmana, avendo come bersaglio particolare l’etnia Rohingya.

refugees-on-a-boat-495x431

Questa si differenzia dalla maggioranza della regione non solo per motivi religiosi ma anche linguistici: mentre la gran parte delle etnie birmane parlano lingue sino-tibetane, i Rohingya parlano una lingua indoeuropea, imparentata con le lingue del vicino Bangladesh (in particolare con la parlata di Chittagong, che è una varietà differenziata del bengali).  Nella regione gruppi di musulmani vivono invero dall’ottavo secolo, in conseguenza della loro prima espansione nell’Asia meridionale.  Eppure il regime nega a tutt’oggi ai Rohingya lo statuto di cittadini del Myanmar (che si compone di 130 etnie), considerandoli immigrati recentissimi del Bangladesh.

La condizione dei musulmani in Birmania è stata storicamente precaria.  Ma si è aggravata ancora di più durante la seconda guerra mondiale, quando furono bersaglio dei simpatizzanti per gli invasori giapponesi.  Ciò condusse a massacri vicendevoli, le cui ferite non si sono affatto risanate.  Anzi, il regime militare e totalitario birmano degli ultimi decenni ha spesso favorito il riaprirsi di scontri e violenze, seguendo il copione abituale del   Continua a leggere

Corea del Nord: la chiusura e la paranoia

Fra i primati negativi che detiene la Corea del Nord vi è anche quello dello stato che al mondo maggiormente perseguita i cristiani (insieme ai seguaci di tutte le altre religioni).  In un report dedicato al problema, la Corea del Nord mantiene il poco invidiabile primato anno dopo anno.  E’ l’unico paese classificato sotto la voce: ‘persecuzione assoluta’.  Basta professare pratiche religiose per subire ogni genere di vessazioni, per essere giustiziato o imprigionato nei famigerati campi di lavoro.  Ma anche senza arrivare a questi estremi, la discriminazione sociale è sistematica.  Ora, la severità della persecuzione religiosa non dipende tanto dalla tradizionale visione comunista della religione quale “oppio dei popoli”.  Dipende soprattutto dall’estremismo del culto della personalità riservata ai sommi dirigenti, esponenti della dinastia Kim: per alcuni studiosi la Corea del Nord sarebbe assimilabile a una moderna teocrazia.

Corea NordOggi, rispetto al procedere della crisi in corso, gli esperti continuano ad essere divisi.  Mentre in genere i sudcoreani tendono ad assimilare le minacce del presente a una pratica abitudinaria, alcuni esperti cinesi sottolineano che – per quanto folle possa sembrare la strategia del regime nordcoreano – esso perseguirebbe comunque un obiettivo da esso considerato razionale: la riunificazione dell’intera Corea, ad ogni prezzo.  Interrogarsi sulla natura di questo regime, per molti versi enigmatica, non è un fatto puramente accademico, perché potrebbe aiutare a comprendere le mosse dell’avversario in questa situazione così tesa.

Certamente il regime nordcoreano è nato come rappresentante del blocco comunista nell’età della guerra fredda.  Tuttavia, nella rappresentazione ufficiale, i riferimenti al comunismo sono oggi quasi del tutto cessati.  Piuttosto, è onnipresente un termine che dovrebbe esprimere un’ideologia autoctona nord-coreana, elaborazione originaria e originale della dinastia Kim: Juche.

Kim il sungAl di là dell’etimologia (sarebbe la traduzione dell’occidentale ‘soggetto’ ed enfatizzerebbe l’attivismo), l’uso corrente del termine mette in risalto  gli aspetti della ‘confidenza in se stessi’, dell”indipendenza’ e, in ultima istanza, invita a porre la Corea del Nord davanti a ogni cosa.  Naturalmente questa autosufficienza non è realizzata per nulla sul piano economico, dato che la Corea del Nord dipende integralmente dal supporto del vicino cinese.  Ma il messaggio ideologico è chiaro: autarchia e nazionalismo.  Potremmo anche parlare di ‘totalnazionalismo’, secondo un termine che era entrato in voga negli anni novanta per descrivere la conversione dell’ex partito comunista serbo all’ideologia nazionalista della “grande Serbia”.

Molto stimolante al proposito è l’opinione di Brian R. Myers il quale, nel suo libro The cleanest raceparla di ‘nazionalsocialismo’, sottolinea gli elementi esplicitamente razzisti presenti nella società nordcoreana, evidenzia la sua ossessione per la purezza in quanto contrapposta all’impurità e mette in evidenza l’influsso del Giappone imperialista Continua a leggere

Germania 1932: le elezioni degli apprendisti stregoni

Insultare, demonizzare, ridicolizzare le istituzioni e gli avversari non è il nuovo, ma il vecchio e il peggio della politica.  Ogni variazione sul tema è stata messa in atto sotto ogni cielo, soprattutto nel novecento.  Ma ancora ci stupiamo come chi ricorra a questa strategia – come Beppe Grillo e i suoi seguaci politici – non sappia riflettere sull’esito abituale della conflittualità politica esasperata.  In genere ne derivano danni rilevanti per tutta la comunità. Spesso, per di più, le dinamiche aggressive si ritorcono direttamente contro chi le aveva innescate.

Germania 1932 1La storia conta.  E contano anche gli insegnamenti della storia più tragica del ventesimo secolo – quella dell’ascesa, dell’oppressione e della catastrofe nazista – anche se non siamo in Germania nel 1932, non c’è la paura di Stalin, e non ci sono forze paramilitari per strada.

Ricorriamo a uno storico d’eccezione, Richard Evans, che ha avuto il coraggio di rivisitare integralmente la storia del Terzo Reich. Nel primo volume, dedicato all’ascesa nazista, uno dei centri del discorso è costituito dalle elezioni tedesche del luglio 1932, tenute nel precipitare della crisi economica, della violenza per bande, dell’ostilità reciproca fra tutte le forze parlamentari.  Un ruolo particolare fu allora svolto dai manifesti elettorali, sui quali Evans si sofferma nel suo volume.  Tutti i partiti, estremisti o moderati che fossero, basarono la loro retorica elettorale sulla figura di un gigante che avrebbe schiacciato ogni avversario.  E coloro che volevano la fine della repubblica di Weimar, comunisti e nazisti, dichiaravano poi la loro chiara intenzione di spazzare via il parlamento intero.

germania 1932I risultati delle elezioni non furono decisivi.  Ma diedero ai nazisti la maggioranza relativa, e bloccarono completamente l’attività parlamentare.  Le forze contrarie alla costituzione di Weimar si rinvigorirono, e sempre più voci auspicarono una soluzione autoritaria o francamente dittatoriale.  Alla fine la profezia dei manifesti si realizzò.  Prevalse la parte estrema, quella nazista, che intendeva schiacciare gli avversari nella forma più letterale e brutale possibile. Ancora nel 1932 i comunisti del KPD spesso facevano fronte comune con i nazisti nell’ostruzionismo parlamentare.  Un anno dopo i suoi esponenti erano stati messi fuori legge, arrestati, perseguitati, talvolta uccisi.  E questo accadde anche agli esponenti di tutti gli altri partiti.

Oggi quasi nulla ci accomuna alla Germania del 1932.  Con due eccezioni.  La prima è Continua a leggere

Joachim Gauck: il coraggio della riconciliazione

Le immagini dei due presidenti italiano e tedesco, Giorgio Napolitano e Joachim Gauck, abbracciati a Sant’Anna di Stazzema in ricordo di una delle più odiose stragi dei nazisti durante il conflitto mondiale, meritano di entrare a far parte dell’immaginario dei popoli europei.  Suonano come un grido deciso di ‘mai più’: valore fondante di quel “plebiscito di tutti i giorni” su cui dovrebbe fondarsi un’Unione Europea salda, prospera e irreversibile, attenta custode di tutti i diritti umani individuali e collettivi.

Gauck

Altrettanto rilevante, da parte di Gauck, è il chiaro riconoscimento di una ‘responsabilità politica’ tedesca, che è netta anche laddove la giustizia sia lenta o carente nel perseguire particolari azioni criminose. Solo il coraggio di guardare l’orrore negli occhi può aprire la strada a una duratura riconciliazione fra i popoli.

Il gesto e le parole di Gauck si aggiungono a ciò che il presidente tedesco aveva compiuto in Etiopia una settimana prima.  Gauck è pastore evangelico, e in Etiopia aveva celebrato un moderno martire della chiesa evangelica e della cristianità tutta: Gudina Tumsa.  Egli era stato rapito e ucciso nel 1979 dai soldati della dittatura totalitaria e genocidaria di Mengistu, perché questa perseguiva un progetto di totale scristianizzazione della società.

Tumsa

Per la dittatura, Tumsa era una persona particolarmente scomoda proprio perché la sua teologia era aperta ai problemi sociali e alle identità culturali africane: non aveva paura delle sfide dei tempi nuovi e aveva criticato incisivamente storture e diseguaglianze del regime feudale tradizionale.  Quanto bastava al potere per percepirlo come il più pericoloso dei rivali, perché prospettava a una strada diversa al cambiamento sociale.

Il Presidente Gauck, in quanto tedesco e in quanto pastore evangelico, ha fatto un naturale riferimento a Dietrich Bonhoeffer, al coraggio mostrato dal teologo nella sua opposizione al nazismo e nel martirio che questi dovette subire.  E all’esempio di Bonhoeffer Tumsa si era sempre ispirato,  in un percorso ideale di accettazione delle conseguenze anche estreme dell’essere cristiano.  Fino all’ultimo egli non volle lasciare la sua chiesa e la sua terra, perché sentiva la sua presenza e la sua testimonianza quotidiana nella sua chiesa e nella sua terra come l’unico modo possibile di essere con Dio.

Corea del Nord: la globalizzazione del rischio e della follia

Le voci di guerra che giungono dalla Corea del Nord sono estreme, ripetute e dettagliate: minacce di attacchi atomici preventivi alla Corea del Sud e agli Stati Uniti; indicazione delle basi americane di Guam, di Okinawa e delle Hawaii come possibili bersagli militari; filmati di propaganda che dipingono una guerra lampo nella parte meridionale della penisola.

soldati nordcoreani

Certo, notevoli sono le ragioni di propaganda politica interna, per sfruttare l’effetto coesivo di un presunto assedio da parte del mondo esterno.  Certo, si può scorgere anche un incipiente senso di isolamento, nel momento in cui l’alleato tradizionale – la Cina – ha aderito anch’esso alle sanzioni dell’ONU.  Ma resta il fatto che gli Stati Uniti hanno preso le minacce molto sul serio.  Nuovi missili a funzione difensiva dovranno essere collocati nella parte occidentale del paese.  E intanto la NATO si affretta a precisare che il riorientamento dell’apparato difensivo statunitense non danneggerà l’Europa: nel giro di pochi anni anche il territorio europeo sarà schermato dal rischio di possibili attacchi missilistici.  Dalle nostre parti l’avversario da tenere sotto controllo si chiama soprattutto Iran. Continua a leggere